Lun 25 Mar 2013 - 11946 visite
Stampa

La sigaretta elettronica gli scoppia in faccia

Guasto interno e malore successivo del fumatore. Ferrarese chiede i danni all'azienda produttrice

fumoAveva deciso di passare alla sigaretta elettronica per smettere di fumare, ma il rimedio è stato peggiore del male. Un quarantunenne ferrarese ha chiesto il risarcimento dei danni a un’azienda specializzata, dopo essere finito all’ospedale a causa di un malfunzionamento di un apparecchio acquistato appena tre giorni prima. “C’è stato uno scoppio interno – spiega l’avvocato Enrico Zambardi, che assiste il protagonista della vicenda -, nella parte finale della sigaretta, la fialetta che contiene la miscela di acqua, aromi e nicotina da vaporizzare. In un attimo il mio cliente si è ritrovato ad ingerirne tutto il contenuto”.

Il ferrarese stava infatti trascorrendo la notte del 16 gennaio in compagnia di un’amica, quando si è verificato l’incidente. “Ha acceso la sigaretta elettronica – racconta Zambardi – e ha udito chiaramente il suono di un piccolo scoppio mentre aspirava, ma non ha fatto in tempo a staccare il filtro dalle labbra e ha mandato giù tutto il liquido della fialetta. Pochi minuti dopo ha accusato un malore, e si è recato al pronto soccorso più vicino, nella casa di cura di Santa Maria Maddalena”. I medici presenti sul posto hanno ascoltato il racconto dell’uomo e dell’amica e, non essendosi mai ritrovati di fronte a un caso simile, hanno contattato il centro antiveleni del Policlinico Gemelli di Roma per chiedere informazioni sulla sostanza con cui si erano trovati a che fare. “Gli specialisti del policlinico – continua Zambardi – hanno informato gli operatori che la miscela, che contiene un potente tranquillante come la nicotina, può causare una forte brachicardia, e hanno consigliato i medici di tenere sotto osservazione il paziente per almeno 24 ore”.

Passata la paura immediata però lo sfortunato fumatore ha trascorso i giorni successivi in uno stato di forte stress e preoccupazione, con la costante paura di un aggravamento delle proprie condizioni, tanto da rivolgersi al legale per chiedere all’azienda produttrice dell’apparecchio il risarcimento dei danni fisici e morali. “È un procedimento da risolvere con un accordo tra le parti – spiega Zambardi -, e solo se non riusciremo a trovarlo si passerà per le aule del tribunale”. Se per concludere vogliamo trovare una nota positiva è che, dopo aver vissuto sulla propria pelle un’esperienza del genere, il protagonista della vicenda ha finalmente smesso di fumare. “Non tocca più sigarette né normali né elettroniche – conferma Zambardi -. È rimasto terrorizzato”.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa