Mar 5 Mar 2013 - 690 visite
Stampa

Brucia la Città della scienza di Napoli. Appello per ripartire dalla cultura

Il rogo che ha devastato la Città della scienza di Napoli pone fine a una delle più interessanti e coraggiose esperienze italiane di diffusione della cultura scientifica e di riuso delle aree industriali dismesse.

Voluta da Vittorio Silvestrini, fisico presso l’Università Federico II e  presidente della fondazione Idis, viveva da tempo una vita grama: mancanza di fondi  blocco degli stipendi, assenza di prospettive. Un crisi non dovuta alla capacità del progetto di auto sostenersi economicamente.

Eppure era conosciuta in tutto il Paese e all’estero come esempio di eccellenza nel campo della cultura scientifica:  una media di 350 mila visitatori l’anno, un  museo interattivo,  un planetario, un centro congressi, un centro di alta formazione, un’area per mostre d’arte, incubatore di imprese e sede della compagnia teatrale “Le Nuvole”, una delle più importanti in questo settore. Vi lavoravano, in condizioni di grande precarietà ma altrettanto entusiasmo, decine di giovani ricercatori, esperti di comunicazione, animatori scientifici.

Gli edifici distrutti si trovano  fronte al mare di Bagnoli, nell’area dell’ex Italsider, e proprio per questo è tra i luoghi-simbolo dei progetti di bonifica e rinascita dell’area industriale

Ricostruire la città della scienza, rilanciarla nel circuito della cultura internazionale, assicurarle solidità per lo sviluppo è un appello rivolto a tutti, in particolare a coloro (individui e istituzioni) che in questi anni hanno parlato di società della conoscenza come fondamento di una peculiarità civile dell’Europa e motore di uno sviluppo economico più equo e sostenibile.

Sarà il banco di prova concreto per i politici – vecchi e nuovi – che hanno al centro dei loro discorsi la cultura. Tanto più significativo nei territori – come il nostro- in cui grandi aree industriale sono da anni in declino.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi