mer 30 Gen 2013 - 773 visite
Stampa

Uno spazio per sinti e rom

A Ferrara sono ancora in svolgimento alcuni appuntamenti per il «Giorno della Memoria». Tra quelli già avvenuti ve ne sono stati alcuni di rilievo collocati al di là della ritualità cerimoniale. Eppure, anno dopo anno, per quanto si allarghi opportunamente la sfera legata alla deportazione (in essa, per esempio, sono inserti stabilmente gli internati militari italiani), vi è un ambito che rimane escluso. Anche a Ferrara non vi è spazio pubblico e riconosciuto per i sinti e i rom che pure sono state vittime incontestabili della Shoah. Qui non è il caso di indulgere al rito meschino – attestato ancora in questi giorni in qualche intervento apparso su estense.com – del «non solo loro ma anche gli altri, non solo Hitler ma anche Stalin» e così via. Conviene piuttosto impegnarsi, fin da ora, perché nelle celebrazioni del 2014 sia inserito anche il capitolo dedicato ai sinti e ai rom. La complessità dell’argomento testimonia l’autenticità del tema.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi