sab 22 Dic 2012 - 859 visite
Stampa

Gesù è nato a Betlemme?

Il  presepio ha reso a tutti familiare che Gesù sia nato a Betlemme. Del resto i due soli vangeli canonici che parlano della nascita di Gesù, quelli di Matteo e Luca, sono concordi nel fissare l’evento in quella cittadina. Tuttavia, se si leggono con attenzione i due testi, ci si accorge che essi percorrono itinerari diversi (anzi spesso incompatibili) per cercare di tenere assieme il riferimento a Betlemme (secondo antiche profezie, il luogo di nascita del futuro messia) e la provenienza di Gesù dal periferico villaggio di Nazaret (nome che non compare mai in tutto l’Antico Testamento). L’approccio critico deduce da ciò che il dato storico più probabile è che Gesù sia nato a Nazaret e che il riferimento a Betlemme dipenda da una racconto teologico (genere letterario ben attestato in quell’epoca). Ci si troverebbe perciò di fronte non a un dato di cronaca, ma a un modo narrativo per indicare che Gesù è il messia.

Se si accetta quest’ultima ipotesti, tutto va a rotoli? Tutto cade in un gorgo di contraddizioni? Alcuni la pensano così e tra essi sembra esserci anche Josef Ratzinger (vedi il suo libro  L’infanzia di Gesù). Per altri le cose  stanno in modo diverso, a patto di saper distinguere, in maniera appropriata, tra ricerca storica e narrazione teologica.

Si tratta di argomenti complessi ma anche affascinanti. Chi ne vuole sapere di più  è invitato domenica 30 dicembre alle ore 11 presso la sala-teatro della parrocchia di Santa Francesca Romana (via XX settembre 47). Ci sarà Enrico Norelli (Università di Ginevra), uno dei massimi esperti internazionali di origini cristiane, che parlerà su: «La ricerca del Gesù storico: definizione e problemi».

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi