Sab 22 Dic 2012 - 899 visite
Stampa

Gesù è nato a Betlemme?

Il  presepio ha reso a tutti familiare che Gesù sia nato a Betlemme. Del resto i due soli vangeli canonici che parlano della nascita di Gesù, quelli di Matteo e Luca, sono concordi nel fissare l’evento in quella cittadina. Tuttavia, se si leggono con attenzione i due testi, ci si accorge che essi percorrono itinerari diversi (anzi spesso incompatibili) per cercare di tenere assieme il riferimento a Betlemme (secondo antiche profezie, il luogo di nascita del futuro messia) e la provenienza di Gesù dal periferico villaggio di Nazaret (nome che non compare mai in tutto l’Antico Testamento). L’approccio critico deduce da ciò che il dato storico più probabile è che Gesù sia nato a Nazaret e che il riferimento a Betlemme dipenda da una racconto teologico (genere letterario ben attestato in quell’epoca). Ci si troverebbe perciò di fronte non a un dato di cronaca, ma a un modo narrativo per indicare che Gesù è il messia.

Se si accetta quest’ultima ipotesti, tutto va a rotoli? Tutto cade in un gorgo di contraddizioni? Alcuni la pensano così e tra essi sembra esserci anche Josef Ratzinger (vedi il suo libro  L’infanzia di Gesù). Per altri le cose  stanno in modo diverso, a patto di saper distinguere, in maniera appropriata, tra ricerca storica e narrazione teologica.

Si tratta di argomenti complessi ma anche affascinanti. Chi ne vuole sapere di più  è invitato domenica 30 dicembre alle ore 11 presso la sala-teatro della parrocchia di Santa Francesca Romana (via XX settembre 47). Ci sarà Enrico Norelli (Università di Ginevra), uno dei massimi esperti internazionali di origini cristiane, che parlerà su: «La ricerca del Gesù storico: definizione e problemi».

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119

Causale: Donazione per Estense.com
Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi