Indiscusso
11 Aprile 2023

La faccia destra del potere

di Marzia Marchi | 4 min

Leggi anche

Imbarcazione da diporto a fuoco tra Portogaribaldi e Lido degli Estensi

Un'imbarcazione tra Portogaribaldi e il Lido degli Estensi è andata fuoco proprio all'imboccatura del porto canale intorno alle 10 di questa mattina, domenica 14 luglio. Molti bagnanti da tutto il litorale hanno visto il fumo alzarsi mentre le operazioni di spegnimento delle fiamme sono state condotte dalla Guardia Costiere e dai Vigili del Fuoco

Bonaccini firma le dimissioni. Irene Priolo ne assume le funzioni

Questa mattina il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato la lettera di dimissioni e le ha comunicate alla presidente dell’Assemblea Legislativa, Emma Petitti. Decade anche la giunta e viene sciolta l'assemblea legislativa che rimangono in carica per gli affari ordinari fino alle elezioni

Salvataggio Tecopress. Assunzioni per cinquanta operai

Prosegue il percorso di salvataggio e rilancio della Tecopress di Dosso di Sant'Agostino: il 5 luglio scorso è nata formalmente SirTec, la NewCo di Sira Industrie della famiglia Gruppioni, che ha confermato il via libera all'operazione

“Prima una forte frenata, poi il botto e le fiamme”

"Ho sentito prima una frenata importante e poi un grande botto". Sono circa le 23 di domenica 7 luglio quando Paolo Bertelli, titolare del gastropub Il Covo di via Picelli, esce dal suo locale e corre a prestare i primi soccorsi agli automobilisti coinvolti nello spaventoso incidente mortale avvenuto lungo via Padova, in cui ha perso la vita la 46enne ferrarese Anna Lisa Chiossi.

Ilaria Cucchi: “Sessisti e ipocriti. Il doppio becero volto della Lega di Ferrara”

"Ci sono frasi che sono come schiaffi". Lo scrive nei manifesti contro la violenza di genere la Regione Emilia Romagna in un cartello rosso sotto la scritta putt*na. Lo scrive anche Ilaria Cucchi in un post nel quale racconta di aver ricevuto uno di questi schiaffi, uno schiaffo "forte e squallido" che le è arrivato "dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri

Pensare di invogliare un bambino a frequentare la scuola dell’obbligo elargendo un premio di 100 euro se ha la media del nove!

Elargire un misero bonus allo studente neomaggiorenne con la carta cultura se è povero ma darlo, con la carta merito, anche al ricco!

Ideare un liceo del Made in Italy, per rilanciare la manifattura sovrana!

Convocare gli Stati generali della cultura nazionale, come se la cultura avesse confini!

Aggiungere il ministero del merito, come se il merito fosse qualcosa di ponderabile e non investire sull’accesso equanime all’istruzione scolastica, grazie alle autonomie differenziate da regione e regione.

Non programmare un serio piano di edilizia scolastica e non rinnovare il contratto del personale scolastico, lasciando spazio alle scuole private e alle donazioni che condizionano l’esito scolastico, rivolto esclusivamente a preparare futuri lavoratori, con buona pace del libero pensiero e della libera ricerca.

Svuotare gli ospedali e la sanità pubblica di personale e risorse per favorire la sanità privata, attraverso la subdola pratica dell’intramoenia.

Far pagare la stessa tassa, flat tax, indipendentemente dalle cifre del reddito, permettere di poter legalmente evadere le tasse se si dichiara una difficoltà economica, condonare le tasse evase senza alcuna giustificazione.

Eliminare il reddito di cittadinanza e obbligare ad un lavoro qualsiasi chi ne è titolare pena la perdita del sussidio in barba all’art. 4 della Costituzione: Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un ‘attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Aumentare al 2% del Pil la spesa in armamenti per inviarli in Ucraina, senza passare dal Parlamento e in spregio all’art.11 della Costituzione: che ripudia la Guerra come strumento di risoluzione delle controversie internazionali.

Rifiutare il diritto d’asilo ai profughi provenienti da Paesi che non siano ritenuti strategici per la politica internazionale. Creare migranti di serie A e di serie B. Rinnegare il diritto del mare che prevede il salvataggio ovunque e comunque in caso di naufragio. Pensare di accogliere sul nostro territorio solo i migranti considerati utile manodopera a dispetto dell’art. 10 della Costituzione: l’ordinamento giuridico italiano si conforma alle norme del diritto internazionale generalmente riconosciute. Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana ha diritto d’asilo nel territorio italiano.

Dare soldi a Paesi stranieri, palesemente in violazione dei diritti umani, come la Libia e la Turchia, affinchè impediscano il legittimo diritto di migrazione.

Incarcerare chi si ritrova in un rave-party o imbratta opere d’arte in maniera provocatoria e reversibile per sollevare la questione ambientale e sdoganare i reati compiuti nella Pubblica amministrazione.

Ignorare la siccità, il cambiamento climatico, la necessità di virare la politica energetica e il consumo di suolo e programmare la costruzione del ponte sullo stretto di Messina, insieme a nuovi rigassificatori e inceneritori.

La lista potrebbe continuare su molti altri aspetti e non si tratta di scelte fatte dalla destra di Governo ma di scelte di potere che mostrano la faccia destra quella, per intenderci, che lavora per consolidare il potere dei ricchi e rendere i poveri una massa omogenea e senza capacità di reazione. Disamorando dalla partecipazione politica e civile le persone che scivolano, senza quasi rendersene conto nell’apatia e nell’indifferenza, di cui il non voto è la testimonianza più evidente.

E’ una azione tentacolare che non risparmia nessun settore. Di fronte alla scarsità di risorse e di fronte ai limiti che lo stesso pianeta ci impone, chi gestisce la ricchezza, agisce per consolidarla a qualsiasi costo e il vento di destra torna a soffiare imperioso in tutto il mondo. Ci stiamo radicalizzando in oppressori ed oppressi e abbiamo dimenticato il messaggio di Paulo Freire e della sua “Pedagogia degli oppressi”. Per quanto si sia oppressi si trova sempre qualcun altro da opprimere, sia lo zingaro di casa nostra o il migrante che viene da lontano. Su questo, il Potere, concentrato nella mani delle multinazionali, della grande finanza e dei produttori di armi lucra servendosi dei suoi burattini politici.

 Ciascuno per il proprio pezzo, ciascuno per il proprio settore o il proprio sentire si ribelli alla strategia della rana bollita e reagisca secondo i principi che Freire chiamava dell’umanizzazione: i migranti hanno nome e cognome così come i pazienti di un ospedale o gli studenti di una scuola, le vittime di una guerra o i detenuti di un carcere, non sono numeri e statistiche.

Solo attraverso l’Umanizzazione può partire la Coscientizzazione, ovvero la presa di coscienza di ogni individuo rispetto alla propria condizione personale e collettiva. Una volta coscienti non resta che la Prassi, l’agire il cambiamento in maniera individuale e collettiva!

Non resta molto tempo, con i venti di guerra che soffiano!

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com