Cronaca
26 Novembre 2021
Sentiti i primi testi di Polizia giudiziaria che hanno ricostruito i passaggi delle nuove indagini. Visionati dei filmati e un'intervista in cui il calciatore si racconta e dice di amare la vita

Processo Bergamini: l’ossessione della fidanzata e il matrimonio che Denis non voleva

di Daniele Oppo | 3 min

Leggi anche

Ombre nere su Ferrara, a marzo gli interrogatori delle Fiamme Oro

Saranno interrogati nella giornata di martedì 5 marzo i due rugbisti delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo della Polizia di Stato, scappati prima dell'arrivo della pattuglia all'interno del ristorante di via Carlo Mayr dove, lo scorso 22 dicembre, una festa di compleanno 'in maschera' tra amici è degenerata tra cori inneggianti a Mussolini e Hitler e la distribuzione di volantini beceri e di pessimo gusto

Processo Bergamini. “Segni sulla gola compatibili con un trauma”

È stata la professoressa ordinaria di medicina legale a Pisa, Emanuela Turillazzi, l'unica testimone chiamata ieri (23 febbraio) a deporre davanti alla Corte d’Assise di Cosenza, durante il processo a carico di Isabella Internò, unica imputata per la morte di Denis Bergamini

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Furti a Malborghetto, stretta della Polizia di Stato

La questura fa notare la costante attività di prevenzione e presenza sul territorio che "ha l'obiettivo - afferma una nota di Palazzo Camerini - di assicurare e mantenere le condizioni di autentica tranquillità pubblica, riducendo la percezione di insicurezza dei cittadini"

Inizia a entrare nel vivo – e potrebbe durare parecchio, questo momento – il processo per l’omicidio di Denis Bergamini, il calciatore argentano che sarebbe stato ucciso sulla statale jonica, il 18 novembre del 1989, all’altezza di Roseto Capo Spulico.

Davanti alla Corte d’assise di Cosenza (presidente Paola Lucente, a latere Marco Bilotta) sono sfilati i primi testimoni della procura, i testi di polizia giudiziaria che hanno condotto le nuove indagini: l’ispettore capo di Polizia Ornella Quintieri e l’assistente capo Pasquale Pugliese.

Si è fatto una sorta di riassunto delle puntate precedenti: la riapertura delle indagini dopo la consegna del dossier firmato dall’avvocato Eugenio Gallerani, l’archiviazione, la seconda riapertura delle indagini da dell’allora procuratore capo di Castrovillari Eugenio Facciolla, questa volta in base agli elementi portati dalle indagini difensive svolte dall’avvocato Fabio Anselmo, che insieme alla collega Alessandra Pisa assiste la famiglia di Bergamini.

Da lì sono partite nuove intercettazioni e nuove acquisizioni elementi, come un video registrato a Londra da Bergamini e dalla sua fidanzata di allora, Isabella Internò, allora giovanissima e che oggi è a processo con l’accusa di omicidio volontario aggravato e premeditato.

Focus ovviamente sulla loro relazione e sul fatto che la Internò fosse molto gelosa di Bergamini e avesse sviluppato una specie di atteggiamento morboso e ossessivo temendo che lui volesse lasciarla – sono state citati degli affettuosi scambi epistolari del giocatore con una ragazza toscana – mentre lei voleva che si sposassero, una eventualità che, pare, il calciatore argentano non aveva mai preso in considerazione.

L’agenda di Bergamini conteneva numerosi numeri di altre donne e, stando alle testimonianze raccolte dagli inquirenti, Internò divenne ossessiva al punto di annusava i vestiti del calciatore per sentire la presenza di profumo di altre donne, controllava se in macchina ci fossero capelli sospetti e si nascondeva dietro alle auto attendendo l’arrivo a casa del fidanzato.

È stata fatta vedere anche un’intervista concessa da Bergamini, in cui il calciatore si racconta e dice di amare la vita.

Gli inquirenti hanno spiegato di aver valutato varie ipotesi investigative: dal calcio scommesse al traffico di droga, fino alla storia dell’acquisto della Maserati del boss Antonio Paese. Piste tutte finite su un binario morto, mentre è andata avanti quella che lega la morte di Bergamini – soffocato e poi fatto sormontare da un camion per simularne il suicidio – alla relazione con Internò.

L’escussione della teste Quintieri proseguirà anche nell’udienza fissata già per la giornata di venerdì 26 novembre.

Il pm Luca Primicerio ha chiesto l’acquisizione di una serie di documenti e tra questi ci sono le dichiarazioni dell’allora maresciallo dei carabinieri che prima fermò in un posto di blocco Bergamini e l’imputata e successivamente eseguì rilievi sul luogo del delitto. È stato anche conferito l’incarico a un consulente tecnico per la trascrizione di un centinaio d’intercettazioni ambientali e telefoniche.

 

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com