"Diventa quello che sei"
1 Giugno 2020

C’erano una volta

di Francesca Boari | 2 min

Leggi anche

Imbarcazione da diporto a fuoco tra Portogaribaldi e Lido degli Estensi

Un'imbarcazione tra Portogaribaldi e il Lido degli Estensi è andata fuoco proprio all'imboccatura del porto canale intorno alle 10 di questa mattina, domenica 14 luglio. Molti bagnanti da tutto il litorale hanno visto il fumo alzarsi mentre le operazioni di spegnimento delle fiamme sono state condotte dalla Guardia Costiere e dai Vigili del Fuoco

Bonaccini firma le dimissioni. Irene Priolo ne assume le funzioni

Questa mattina il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato la lettera di dimissioni e le ha comunicate alla presidente dell’Assemblea Legislativa, Emma Petitti. Decade anche la giunta e viene sciolta l'assemblea legislativa che rimangono in carica per gli affari ordinari fino alle elezioni

Salvataggio Tecopress. Assunzioni per cinquanta operai

Prosegue il percorso di salvataggio e rilancio della Tecopress di Dosso di Sant'Agostino: il 5 luglio scorso è nata formalmente SirTec, la NewCo di Sira Industrie della famiglia Gruppioni, che ha confermato il via libera all'operazione

“Prima una forte frenata, poi il botto e le fiamme”

"Ho sentito prima una frenata importante e poi un grande botto". Sono circa le 23 di domenica 7 luglio quando Paolo Bertelli, titolare del gastropub Il Covo di via Picelli, esce dal suo locale e corre a prestare i primi soccorsi agli automobilisti coinvolti nello spaventoso incidente mortale avvenuto lungo via Padova, in cui ha perso la vita la 46enne ferrarese Anna Lisa Chiossi.

Ilaria Cucchi: “Sessisti e ipocriti. Il doppio becero volto della Lega di Ferrara”

"Ci sono frasi che sono come schiaffi". Lo scrive nei manifesti contro la violenza di genere la Regione Emilia Romagna in un cartello rosso sotto la scritta putt*na. Lo scrive anche Ilaria Cucchi in un post nel quale racconta di aver ricevuto uno di questi schiaffi, uno schiaffo "forte e squallido" che le è arrivato "dal sindaco di Ferrara, Alan Fabbri

C’erano una volta,

giovani uomini e donne che si trovarono improvvisamente soli con loro stessi, a specchiare l’immagine di quel sé non ancora così ben costruito, chiusi d’improvviso ciascuno nella propria casa. Tutti improvvisamente soli a specchiare i loro volti e a cercare di superare quell’assurdo silenzio dentro il quale, d’improvviso, la loro vista di adolescenti si trovata imbrigliata.

C’erano una volta la solitudine e il silenzio degli altri, c’erano una volta nuovi interlocutori, foglie, l’abbaiare di un cane, il cinguettio degli uccelli, le voci poco rassicuranti dei televisori, l’odore del lievito. E tanto tanto silenzio calato d’improvviso sul mondo intero.

Un mondo che diventa ostile e ti chiude in casa solo, davanti a te e alla tua precarietà, i tuoi limiti. Tra i rumori domestici i numeri dei pazienti colpiti dal virus , i deceduti, la disperazione e il dolore della malattia. Ed ecco riaffiorare lentamente, in un tempo e in uno spazio surreali, i pensieri rivolti agli amici, agli amori e a tutti quelli spazi, fino a quel giorno dati per scontati.

Ecco apparire una realtà altra che non prevede nessuna forma di contatto, le immagini dei professori sfuocate e lontane, il loro imbarazzo, di alcuni almeno, lo scoramento, lo spaesamento dentro le basse temperature di una didattica a distanza assolutamente improvvisata.

Continuano a battere i tamburi nelle nostre coscienze. Fuori tutto, ma proprio tutto tace. La speranza che tutto finisca superando quei tetti e restituendo allo sguardo semplicemente l’altro. Apriremo gli occhi e la musica della natura tornerà a riempirsi delle voci umane? Forse voci cambiate, inquiete, desolate, impaurite.

Forse saranno quelle voci a restituire il tolto e nel dolce ci vediamo presto, anzi non ci vediamo e stai bene, tutto ritornerà come era. Noi no.

Grazie alla sensibilità straordinaria dei nostri giovani studenti, i più dimenticati nel corso di questa pandemia.

Il video del progetto “Montaggio in gioco. Laboratorio per suoni e immagini” a cura degli studenti del Dosso Dossi.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com