Politica
19 Agosto 2017
La sconclusionata richiesta di 'informazioni' del consigliere comunale grillino

La perla di Fochi (M5S): «Perché tutti i terroristi sono mussulmani?»

di Daniele Oppo | 2 min

Leggi anche

Rivolta all’Arginone. Trentasette detenuti a processo

Trentasette persone, all'epoca dei fatti tutte detenute a Ferrara, sono finite a processo con l'accusa a vario titolo di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, incendio e lesioni aggravate per la rivolta nel carcere di via Arginone, avvenuta durante i primi giorni dell'emergenza Coronavirus, quando le misure restrittive imposte per contrastare il diffondersi della pandemia, tra cui il divieto di visite dei parenti, furono il pretesto per accendere gli animi dei ristretti nei penitenziari di tutta Italia

Ferrara è una città ostile ai giovani

La crisi della felicità è uno dei tanti problemi, come la disoccupazione, l’abbandono del territorio dei giovani e l’aumento dell’età media, che conta la città di Ferrara

Furti a Malborghetto. Interpellanza dem chiede l’installazione di telecamere

Dopo l'intervento di ieri arriva anche l'interpellanza di Elia Cusinato e Maria Dall'Acqua in merito alla mancata installazione di telecamere a Malborghetto di Boara, nonostante un'altra interpellanza presentata il 12 ottobre scorso e la possibilità di installazione "già stata paventata in Consiglio Comunale il 24 gennaio 2023"

«Scusate cè qualcuno che mi sa spiegare perché tutti i TERRORISTI SONO MUSSULMANI?
(senza tirare in ballo gli anni di piombo…)». Parole e musica, lasciati intonsi rispetto allo spartito originale (manca solo sfondo azzurrino)  del consigliere comunale Claudio Fochi, capogruppo in pectore del M5S a Ferrara.

Una sparata che arriva da Facebook (il post è stato poi cancellato perché non avrebbe ottenuto risposte adeguate, sic), a poche ore dagli attentati – rivendicati dall’Isis – di Barcellona e Cambrils in Catalogna che non sembra essere piaciuta neppure a tutti i sostenitori grillini, tant’è che nei commenti Maria Teresa Pistocchi, attivista storica, critica aspramente la grande – e assai sbagliata – categorizzazione fatta dal consigliere comunale.

La cosa incredibile è che Fochi, per il mestiere che fa, l’insegnante, qualcosa della storia recente dovrebbe anche conoscerla – anche senza tirare in ballo gli anni piombo, se proprio ci tiene -, ma sembra di no.

Dimentica ad esempio il massacro (77 persone morte) compiuto da Anders Breivik in Norvegia nel 2011 o, senza fare troppi passi indietro nel tempo, l’attacco avvenuto a Charlottesville ai danni dei contromanifestanti a una ‘parata’ dell’alt-right, dei suprematisti bianchi e neo-nazisti solo sette giorni fa, in cui una ragazza è morta e tanti sono rimasti feriti proprio in un attacco effettuato con un’automobile lanciata contro la folla.

Proviamo allora a rigirare la domanda: scusate, c’è un qualcuno che ci spiega la particolare memoria selettiva del consigliere Claudio Fochi?

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com