Attualità
3 Novembre 2016
Ricostruzione, rotonde, metropolitana: l'assessore Modonesi fa il punto sui grandi lavori

Il Comune punta a realizzare appalti per 24 milioni di euro

di Ruggero Veronese | 3 min

Leggi anche

Il lavoro silenzioso e instancabile degli operatori sociali

Il ruolo dei mediatori, educatori e accompagnatori è cruciale per favorire l'inserimento sociale e lavorativo dei migranti e rifugiati, offrendo loro strumenti e supporto concreto. Dall'altro lato, il loro lavoro si svolge spesso in condizioni di estrema difficoltà

Domenico Bedin non è più sacerdote

Domenico Bedin non è più sacerdote, lo rende noto lui stesso con una lettera inviata ai giornali nella quale fa sapere che "in data 1° giugno 2024 iI Santo Padre Francesco mi ha cocesso 'la dispensa dal celibato e dagli obblighi connessi alla Sacra Ordinazione'"

Ferrara Summer Festival. Spostato il mercato del venerdì

Nei venerdì 21 giugno, 28 giugno e 5 luglio alcuni banchi verranno spostati da piazza Trento Trieste, corso Martiri della Libertà, via San Romano e via Amendola per essere collocati in piazza Travaglio e via Bologna

unnamedQuasi nove milioni di euro per i cantieri attualmente all’opera sul territorio comunale, con l’obiettivo di estendere i lavori entro fine anno fino a toccare i 24 milioni, 13 dei quali provenienti da finanziamenti europei o destinati alla ricostruzione. Queste le cifre presentate in mattinata dall’assessore ai lavori pubblici Aldo Modonesi, che accompagnato dai suoi tecnici ha fatto il punto della situazione per quanto riguarda edilizia e viabilità pubblica.

Tra i vari punti toccati dall’assessore, da segnalare la conferma di una nuova rotonda al ponte Caldirolo, di una struttura cinofila (e relativa squadra) per la polizia municipale e degli interventi di restauro a Palazzo dei Diamanti, Porta Paola e in nuovi tratti delle mura estensi. Qualche novità anche sul fronte della metropolitana di superficie per l’ospedale di Cona: la società Fer, responsabile dell’appalto, sta selezionando in questi giorni i membri della commissione che dovranno valutare le offerte delle imprese. Secondo l’ingegnere Fulvio Rossi “entro gennaio ci sarà l’aggiudicazione”.

Gli interventi in dirittura di arrivo riguardano in particolare via Saraceno, la chiesa di Sant’Antonio, il recupero post-sisma di Casa Niccolini, Palazzo Massari, della Certosa e dell’ex Mof. Con i prossimi appalti per la ricostruzione partiranno invece i lavori anche a Palazzo dei Diamanti, San Cristoforo, Porta Paola, Palazzo Podestà, Palazzo Schifanoia e al Teatro Comunale. Fuori dal discorso sisma, verranno avviate anche nuove opere di restauro alle mura alla Punta di Francolino, alla Peschiera del Duca (zona nord) e al Baluardo dell’Amore.

Sul fronte della viabilità la novità principale riguarda la rotonda del ponte Caldirolo, ‘sorella minore’ di quella inaugurata in piazza San Giorgio: “Il traffico è nettamente migliorato con l’apertura della rotonda – afferma Modonesi -, ora è il momento del prossimo passaggio. Il cantiere partirà nel 2017 e si potrà organizzare procedendo per fasi, senza grandi impatti sulla viabilità”. In arrivo anche nuovi semafori acustici per non vedenti lungo tutto l’asse Giovecca-Cavour. Al via anche i lavori per la pista ciclabile Ferrara – Cona, e in particolare il tratto dall’ospedale a Focomorto che al momento non necessita di procedure di esproprio.

E a proposito di viabilità per Cona, a comunicare gli aggiornamenti in tema di metropolitana di superficie è l’ingegnere Rossi: “Il 14 settembre Fer ha affidato il progetto a una società di ingegneria, poi lo ha visionato e ha chiesto una serie di integrazioni, che dovrebbero pervenire nella prima settimana di dicembre. A quel punto l’opera sarà appaltabile e nel frattempo Fer avrà svolto una fase di prequalifica delle imprese che verranno invitate. Abbiamo indicato uno dei tre nominativi che costituiranno i componenti della commissione che valuteranno le offerte. La previsione è di arrivare ai primi di gennaio con l’aggiudicazione”. Un ritmo di marcia ottimistico, per la grande incompiuta delle opere pubbliche ferraresi che avrebbe dovuto servire l’ospedale fin dal giorno della sua apertura, quattro anni fa. Saranno rispettate? “Tutto questo – puntualizza Rossi – fatti salvi i ricorsi delle ditte che potrebbero essere escluse”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com