Fiscaglia
29 Marzo 2014
Un'imprenditrice ferrarese annuncia che per protesta non pagherà più le tasse

“Caro Stato non ti mantengo più”

di Daniele Oppo | 4 min

Leggi anche

Carabiniere picchiato in Gad. È caccia agli aggressori

Un carabiniere del Nucleo Operativo Radiomobile di Ferrara è stato aggredito e picchiato nel pomeriggio di giovedì 29 febbraio mentre stava camminando lungo via monsignor Luigi Maverna, zona in cui ha sede l'Agenzia delle Entrate, dietro la stazione, in Gad

“Diplomatic Days”: Ferrara capitale delle relazioni commerciali

Una due giorni in cui Ferrara diventerà, a tutti gli effetti, capitale delle relazioni commerciali. Nella città estense, il 7 e 8 marzo, approderanno infatti diplomatici – consoli e ambasciatori – di 27 Paesi e 5 Continenti. Non a caso il titolo dell’evento è Diplomatic Days

Avvelenò la madre col tè. La Corte d’Assise dispone un’altra perizia

La Corte d'Assise del tribunale di Ferrara ha disposto una nuova perizia psichiatrica su Sara Corcione, la 39enne accusata di omicidio premeditato aggravato dal vincolo di parentela per aver assassinato sua mamma, la 64enne Sonia Diolaiti, avvelenandola nel suo appartamento di via Ortigara

Sbattuta contro il finestrino e violentata. Una perizia per il suo aggressore

Ci sarà bisogno di una perizia psichiatrica per sapere se il 25enne italiano, accusato di violenza sessuale nei confronti di una ragazza, all'epoca dei fatti 13enne, era capace di intendere e di volere in quegli attimi in cui, mentre si trovavano entrambi a bordo di un treno regionale, lungo la linea Ferrara-Codigoro, lui l'avrebbe sbattuta contro il finestrino, strusciandosi contro di lei e mimando un rapporto sessuale

Alessandra MarazziMigliarino. Caro Stato ti scrivo o, meglio, ti parlo. Uno sfogo pubblico contro uno stato ‘reo’ di essere troppo oppressivo con chi è in difficoltà senza nulla dare in cambio. Con un video su Facebook un’imprenditrice ferrarese, proprietaria di un bed&breakfast a Migliarino, annuncia la sua volontà di “resistere” allo Stato scegliendo ‘di non mantenerlo più’.

La ‘resistenza’ di Alessandra Marazzi – questo il nome dell’imprenditrice – è una resistenza fiscale: niente più tasse pagate allo Stato, quelle stesse che in pochi anni, nonostante gli affari siano andati in picchiata, sono rimaste sempre altissime. “La mia è una protesta civile, non attacco nessuno, non sono violenta ma voglio farmi sentire – afferma accoratamente l’imprenditrice contattata da Estense.com -. Non voglio suicidarmi come molti altri di cui nessuno parla, né mandare a monte ciò che ho costruito: ho una figlia di 11 anni a cui badare e voglio continuare con la mia impresa”.

La protesta fiscale si trasforma così in una battaglia per la sopravvivenza, l’autonomia e in una durissima contestazione contro lo Stato e la burocrazia: “Io sono una liberale, voglio uno Stato che fa poco ma lo fa bene – spiega – e, soprattutto, non voglio che i dipendenti statali, parlo di dirigenti e politici, non prendano cifre incredibili e si arricchiscano così: ci si arricchisce con l’attività privata non nel pubblico”. Pur essendo liberale, a un certo punto Marazzi cita, forse involontariamente Padoa Schioppa, l’ex ministro dell’Economia che disse che pagare le tasse è bello: “Quando uno stato funziona bene – afferma l’imprenditrice -, i cittadini sono contenti di pagare le tasse e io le voglio pagare come ho sempre fatto, purché siano giuste e per uno Stato che funzioni”. 

Il video in cui viene annunciata la protesta è stato ‘postato’ sulla pagina “Protesta fiscale a oltranza”, un gruppo composto da imprenditori medio piccoli che contestano l’eccessivo carico fiscale imposto dallo Stato. “Siamo imprenditori con redditi medio bassi, ridotti sul lastrico da uno Stato prepotente e vessatorio – spiega -. Nel gruppo abbiamo trovato un po’ di calore umano e di conforto”. E arriviamo così al video. “Sono un’imprenditrice e da un paio di anni sto affrontando la crisi – racconta Marazzi agli amici sul social network blu – ho tagliato i costi, ridotto gli sprechi, riorganizzato completamente la gestione della mia piccola attività facendo tutto io: giardiniere, pulizia camere, accoglienza clienti, gestione dell’amministrazione, contati con il commercialista, contatti con le banche, promozione, contatti coi fornitori e ho cercato in qualche modo di sopravvivere. Sto pagando le bollette per quanto siano quadruplicate – prosegue -, ma non riesco a pagare le tasse perché con quello che incasso non riesco a pagare l’enormità di tasse che continuano ad arrivare e aumentare nonostante abbia ridotto di molto le entrate”. Una situazione personale, uno sfogo, che trova la condivisione e l’apprezzamento di molti commentatori del video che in 7 giorni ha ricevuto 433 ‘mi piace’.

“Sono qui a testimoniare il fatto che io resisto, tengo botta e non mi arrendo a uno Stato che in questo momento vuole solo una cosa: i miei soldi per mantenere tutti i suoi privilegi – afferma con convinzione l’imprenditrice -: Non vedo altro dallo Stato, non vedo nessuno che mi rappresenta, una tutela, una protezione, qualcosa di cui andare fiera, solo un un gruppo di parassiti che sono lì a gestire la cosa pubblica per il loro tornaconto personale”. E proprio sulle tutele e sullo stato sociale finanziato anche con le sue tasse Marazzi, interrogata da Estense.com sul tema è perentoria: “Non sono una ladra, semmai lo sono i dirigenti e manager pubblici che prendono 850 mila euro all’anno, loro sì che tolgono il pane di bocca alla gente. Non accetto – prosegue – di sentirmi dire che sottraggo risorse allo stato sociale e a chi ne ha bisogno, perché io sono proprio una di quelle persone che avrebbe bisogno dello stato sociale – afferma -. Sono una persona onesta e ho cercato di realizzarmi con un’attività autonoma quando ho visto che nessuno mi assumeva, non mi sono messa a lavorare in nero, voglio solo essere ascoltata, voglio che lo Stato mi rispetti e mi tuteli, voglio giustizia”. “Ribadisco che voglio vivere – afferma Marazzi nei minuti finali del video -, mantenere la mia famiglia, voglio cercare di mantenere in vita la mia azienda e voglio vivere con la dignità che mi spetta per essere stata una persona che ha sempre studiato e lavorato e ha sempre fatto il suo dovere. Quindi, caro Stato – conclude Marazzi – per quanto mi riguarda, continuo a ribadirti che non ti mantengo più”.

E se un giorno dovessero arrivare i controlli? “Le porte sono sempre aperte, la mia attività è su una strada pubblica e quando vorranno venire a controllarmi non potrò far altro che presentarmi davanti a un giudice e chiedere di essere ascoltata”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com