Politica
25 Ottobre 2013
Secondo il consigliere di Ppf la vendita anticipata avrebbe permesso di risparmiare 3 milioni di euro

Vendita azioni Hera? “L’autocelebrazione di un fallimento”

di Ruggero Veronese | 3 min

Leggi anche

L’autista lo vuole far scendere e lui lo minaccia con un’accetta

Aveva preso un autobus per recarsi a Porto Garibaldi, ma il suo viaggio è finito all'interno di una vettura dei carabinieri. Un uomo di 47 anni, di nazionalità italiana, residente a Monza e con alcuni precedenti alle spalle, è stato arrestato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione pubblico servizio e porto di strumento atto a offendere

Un decalogo per difendersi dalle ondate di calore

Le ondate di calore si verificano quando si registrano temperature molto elevate per più giorni consecutivi, spesso associate a tassi elevati di umidità. Quali sono i rischi per la nostra salute, come evitarli e quali sono i servizi sul territorio?

admin-ajax (18)Parla di “autocelebrazione di un fallimento” il leader e capogruppo in consiglio comunale di Progetto per Ferrara, Valentino Tavolazzi, riguardo alla vendita delle azioni Hera da poco ufficializzata dall’assessore al bilancio Luigi Marattin.  “A Ferrara – afferma Tavolazzi – chi comanda può permettersi di convocare una conferenza stampa o inviare un comunicato, dicendo ai cittadini di aver sperperato 3 milioni di euro, e nessuno, nemmeno la stampa locale, si scandalizza. È accaduto con la svendita delle azioni Hera, cinque milioni di pezzi al prezzo di 1,51 euro, per un incasso totale di 7,6 milioni”. Una cifra, quei 3 milioni di euro “sperperati” dall’amministrazione, che il leader Ppf ricava sia dal valore di vendita attuale che dalla mancata riduzione del debito pubblico e dei suoi interessi nel corso degli ultimi quattro anni.

Il fondatore di Ppf imputa infatti alla giunta Tagliani di aver perso più volte l’occasione per liberarsi delle quote delle multiutilities con un margine di profitto conveniente, quando il valore delle azioni Hera superava gli 1,7 euro. “Qualcuno – afferma Tavolazzi rivolgendosi ai media ferraresi – avrebbe dovuto chiedere all’assessore ‘allo sbilancio’ (sic) Luigi Marattin o al sindaco avvocato Tiziano Tagliani, perché nel marzo 2011, quando Progetto per Ferrara chiedeva in consiglio comunale la vendita delle azioni Hera, l’assessore dichiarava: ‘La nostra linea è che non conviene vendere le azioni Hera per estinguere il debito, e non conviene in generale destinare i proventi di qualsiasi vendita ad abbattere il debito’. Eppure a fine giugno 2011 il titolo valeva 1,7 euro e la vendita in quel momento avrebbe fatto entrare nelle casse comunali 8,5 milioni di euro, vale a dire 0,9 milioni più di oggi”.

Oggi Tavolazzi cita anche altre occasioni precedenti al 2011 in cui secondo lui sarebbe stato più conveniente per il Comune vendere le azioni libere da patto sindacale, e avanza i propri dubbi (o illazioni a seconda dei punti di vista) sul  fatto che la decisione di farlo soltanto oggi sia stata in qualche modo “pilotata” da Hera: “Anche nel marzo/aprile del 2010 – continua il capogruppo Ppf -, con il valore del titolo a 1,7 euro, e nel 2009, con analoghe risoluzioni ed emendamenti bocciati dal Pd, Ppf aveva chiesto ciò che Tagliani ha fatto solo ora, buttando dalla finestra il denaro dei cittadini. Esattamente come aveva fatto con la svendita della rete gas e con la mancata estinzione anticipata del derivato. Viene da chiedersi chi gli abbia chiesto di svendere le azioni adesso (Hera?), per quale misteriosa ragione e chi le abbia comprate ad un prezzo così conveniente”. Parole dure che però il consigliere di opposizione non approfondisce.

Il tutto mentre i soldi incassati dall’operazione di vendita in base ai calcoli di Ppf sarebbero risultati nettamente inferiori a quelli spesi per l’acquisto, quando il valore del titolo era pari a 1,68 milioni, per un costo totale di 8,4 milioni. “Dunque – continua Tavolazzi – la svendita tardiva ha prodotto una perdita patrimoniale per il Comune (cioè per noi cittadini) di 0,8 milioni. Se poi si aggiunge il mancato beneficio annuo, per minori spese correnti da riduzione del debito, pari a 0,45 milioni di euro, dichiarato adesso dall’assessore allo sbilancio in totale contraddizione con il suo omonimo del 2011, Tagliani ha bruciato altri 2 milioni di euro nel periodo che va da giugno 2010 a dicembre 2014, per un totale complessivo di 3 milioni”.

Motivo per cui l’ex grillino ferrarese rinnova il proprio giudizio verso l’amministrazione Pd e verso i suoi organi di controllo: “Una mancanza di opposizione e di valutazione critica (salvo rare eccezioni) dell’amministrazione che da oltre 60 anni fa e disfa nella nostra città, che poggia la presunta inossidabile inamovibilità del Pd e dei suoi sindaci, più gratificati dal presunto consenso popolare, accertato con qualche telefonata, che dagli effettivi risultati ottenuti per i cittadini (si ricordi che anche Sateriale veniva “venduto” come amato dai ferraresi, salvo far perdere al Pd 10 mila voti). E di tutto questo il Pd si vanta, lo propaganda con una disinformazione di regime e chiede pure l’applauso e la rielezione di Tagliani”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com