Cronaca
14 Giugno 2012
Risponde la sismologa Margheriti (Ingv): "Tecniche e distanza portano a stime differenti". Ma i risarcimenti non si basano sulla magnitudo

Terremoto del 20 maggio, magnitudo 5.9 o 6.1?

di Mauro Alvoni | 3 min

Leggi anche

Scomparsa una tredicenne. In corso le ricerche

Barbu Ioana Paula è il nome di una ragazza di 13 anni scomparsa nella giornata di oggi. La ragazza è regolarmente uscita di casa durante la mattinata ma non ha poi fatto ritorno così i genitori hanno denunciato la scomparsa

Muore a 48 anni mentre lavora in un campo agricolo a Lagosanto

Si è sentito male all'improvviso mentre stava lavorando nei campi e, nonostante i successivi tentativi di rianimazione dei sanitari, è purtroppo deceduto. Tragico destino, quello di un lavoratore agricolo di 48 anni, di origine pakistana, dipendente di un'azienda agricola di Ostellato

Liceo Roiti al freddo, insorgono studenti e opposizioni

Al Liceo Roiti - parliamo della succursale di via Azzo Novello - il 27 novembre gli studenti si sono trovati al freddo a causa del malfunzionamento dei termosifoni. La situazione è stata segnalata dai docenti all'Amministrazione provinciale (che ha la responsabilità degli istituti superiori per la logistica), ma ha fatto insorgere gli stessi studenti

L’albero di Natale è arrivato in piazza Cattedrale

È arrivato in piazza della Cattedrale, nel primo pomeriggio, l’albero di Natale di Ferrara, davanti alla cattedrale e a pochi passi dai mercatini natalizi e dal Paese di Babbo Natale in piazza Municipale. Si tratta di un abete della Normandia di 22 metri

Sospese le ricerche dell’uomo scomparso

Era scomparso da casa lo scorso 20 novembre il settantaquattrenne che per giorni vigili del fuoco e forze dell'ordine hanno cercato diffondendo anche una foto per facilitare eventuali avvistamenti

Sisma di magnitudo 5.9 o 6.1? Sono in molti ormai a chiedersi quale sia stata l’effettiva forza del terremoto del 20 maggio scorso, soprattutto i sostenitori della tesi del complotto secondo i quali si sarebbe volutamente divulgato un dato inferiore a 6.0, soglia al di sotto del quale lo Stato non risarcirebbe le zone terremotate. Il dubbio effettivamente sorge se si consulta oltre al sito dell’Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia), che ormai molti hanno imparato a ‘cliccare’ in maniera quasi compulsiva, e alcuni siti di istituti di sismologia non italiani. L’Ingv ha infatti sempre riportato, fin dagli istanti immediatamente successivi alla scossa, il valore di 5.9, mentre l’altrettanto autorevole Csem (Centre Sismologique Euro Méditerranéen) in Francia riporta sul proprio sito la magnitudo di 6.1 (vai), ripresa anche dalle pagine internazionali di Wikipedia (vai).

Alla luce di tale discrepanza di dati e tenendo presente che una differenza di 0,2 di magnitudo non è poco in termini di energia di un terremoto, a dipanare i “sospetti” è proprio una sismologa dell’Ingv, Lucia Margheriti, che ritiene possibile e anzi “normale” che rilevazioni effettuate da istituti diversi e a distanze diverse, con tecniche differenti, possano portare a risultati tra loro non concordanti. Ma la discriminante in base alla quale si definiscono i rimborsi per i danni da sisma, precisa subito, non riguarda affatto la magnitudo. “La questione – spiega la sismologa – nacque anche dopo il terremoto a L’Aquila. Sopra 6 o sotto 6? E’ bene chiarire che i rimborsi non si basano sulla magnitudo di un terremoto, bensì sull’intensità, misurata sulla scala Mercalli, che misura i danni che un terremoto ha provocato. Per capire meglio la distinzione, l’esempio classico è quello di un forte terremoto, poniamo di 9 di magnitudo: se avviene nel deserto, dove non ci sono edifici, l’intensità di quel terremoto sarà pari a zero”.

Nessun complotto per evitare rimborsi, dunque. Ma come e chi sta misurando o ha misurato l’intensità del terremoto del 20 maggio? I rilievi in tale senso vengono effettuati da tecnici delle Protezione Civile, le cosiddette squadre Quest, assieme a tecnici dell’Ingv, che hanno prodotto un primo rapporto fotografando la situazione danni relativa agli effetti della prima scossa del 20 maggio, senza aver potuto prendere in considerazione eventuali successivi aggravamenti dovuti alla seconda scossa del 29 maggio.

Resta però da chiarire per quale motivo si siano registrate magnitudo diverse per lo stesso fenomeno. “Dipende  – risponde Lucia Margheriti – dalla tecnica adottata. Quella che noi riportiamo nell’elenco degli eventi sismici sul nostro sito è una stima della magnitudo locale, cioè l’ampiezza dell’onda al sismografo, che viene scalata per la distanza dall’epicentro. E’ quindi un valore legato all’ampiezza massima dell’onda. L’altra tecnica è quella che misura la magnitudo momento e che guarda a tutta la forma dell’onda. Rispetto alla magnitudo locale di 5.9 che abbiamo registrato, la magnitudo momento che abbiamo calcolato non si discosta molto, essendo 5.86. Tecniche diverse, quindi, possono portare a stime diverse”.

Differenze possono inoltre esservi a seconda della distanza della stazione di rilevamento dal sisma, e questo spiegherebbe il motivo per cui il Csem ha riportato il dato di 6.1 per il sisma del 20 maggio. “In questo caso – aggiunge Lucia Margheriti – riteniamo che la nostra sia la stima più attendibile. Per quanto riguarda invece terremoti di forte intensità come quello del Giappone, dove l’ampiezza della faglia è davvero notevole, sono invece le stazioni più lontane a rilevare con maggior precisione la magnitudo”.

Grazie per aver letto questo articolo...
Da 18 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati non sempre è sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.

 

OPPURE se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico) puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit
IBAN: IT06D0538713004000000035119 (Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com