mer 12 Apr 2017 - 486 visite
Stampa

Salvaguardiamo il dialetto ferrarese

Salvaguardiamo il dialetto ferrarese. Carissimi appassionati del Dialetto Ferrarese. La filastrocca (zirudèla), in dialetto che vi presento oggi, è composta di poche rime, assemblate per sintetizzare la storia della nostra Lingua. L’ho proposta domenica scorsa al MAF di San Bartolomeo in Bosco (Fe) ed è stata apprezzata. Là c’è un teatrino ove, molte domeniche all’anno hanno luogo spettacoli legate al territorio, tradizioni, eccetera. Il magnifico,(enorme,) museo di storia contadina, ma non solo, e le manifestazioni teatrali, sono totalmente a ingresso gratuito. Vi consiglio vivamente di andarci. In internet troverete il calendario delle manifestazioni. Maurizio

LA ZÌRUDÈLA DAL MIÉ DIALÈT…

Al bel dialèt dlà mié Zità,

cum l’è nàt nisùη al la sa’!

Miàra d’àn ormàj è pasà,

da quand l’òm chì al s’è piazà,

iηt al Fraréś delimità,

da tèr emèrs ad qualità,

framèz dl’àqua ìη quantità.

L’òm, pόch quèj a gh’éra bastà,

par vìvar iη clà realtà:

qualch animàl l’éva cazà,

po’, al furmént l’éva piantà.

Forsi ché, par necesità,

ill prìmi vòlt l’éva uclà:

-Fàm. E la boca l’éva sgnà.

Opur :-Màl ! Ciapànd nà lignà!?

O:-Séd ! sgnànd la bόca arsià ?!

Par far l’amόr… forse chisà :

uη gèst ciàr e …quél al sé restà,

cumpàgn a milànta an fa :

brisa scrit e… maj pronunzià !…

Po’, tànt pòpul chì j’è pasà :

zό dal Nord, mò brìsa farmà !

Mò, zìrca dό miàra d’aη fa,

di Rumàη i s’è iηsedià.
Al vèc latìη chi, j’à purtà,

sì, quél dlà glèba, iη vrità

ché piàη-piàη s’è iηmascià,

còj dialét ach s’à impurtà,

dì marinàr e tant realtà:

daj comèrc che còη purasà

paròl nόvi, i s’éva iηvlà.

Chì po’, j’abréj j’è capità,

Napoleόη còj so’ suldà,

tant paròl i s’à regalà !…

Quanta storia gh’è iη vrità,

déntr’iη Fràra par stà parlà !

Uη ciacaràr ch’l’è destinà,

a svarìr da stà società;

uη dialèt ché al sparirà,

purtòp: nà trìsta realtà !

Radio, tivu j’à sganasà,

tut al so’ impiànt : sbrisulà !

E daj snòb, chì dìś ché la parlà,

fraréś la va’ eliminà.

Gh’àj raśòη ? moh, ? forse, chisà ?

Scanzlàr al dialét? gràη cazà

par mi, sémpar i sbagliarà,

e dal cuόr nisùη mlà straparà,

fìη ché al mié pèt al gh’avrà fià,

la mié liηgua, la restarà !

Arcurdànd chì al mlà iηsgnà,

còη amòr e uη pόch d’umiltà,

al mié pensiér l’iηcarnarà,

st’ill paròl… uη pόch susurà:

-Pr’al mié bel dialét ach mì iηsgnà,

grazie nòni, màma e popà!

FILASTROCCA DEL MIO DIALETTO …

Il bel dialetto della mia Città,

com’è nato nessun lo sa, !

Migliaia d’anni ormai sono trascorsi,

da quando l’uomo qui si è insediato,

nel Ferrarese delimitato,

da terre emerse molto buone,

in mezzo a tanta acqua.

L’uomo,di poco aveva bisogno,

per sopravvivere in quei luoghi :

qualche animale aveva cacciato,

poi,il grano aveva coltivato.

Forse così, per necessità,

le prime volte aveva urlato :

-Fame. E la bocca aveva indicato.

Oppure:-Male prendendo una botta !?

O:-Sete indicando la bocca arsa ?!

Per far l’amore…forse chissà !?

un segno esplicito e…quello è rimasto,

uguale a millanta anni fa :

non scritto, ma mai pronunciato !…

Poi, tanti popoli da qui sono transitati :

giù dal Nord, ma mai rimasti !

Ma, circa duemila anni fa,

certi Romani si sono insediati.

Il vecchio latino qui, han portato,

sì,quello della gleba in verità,

che lentamente s’è mischiato,

con i dialetti che ci hanno importato,

certi marinai e tante realtà :

dai commerci che con molte

parole nuove, ci hanno seppellito.

Qui poi, gli ebrei sono arrivati,

Napoleone con i suoi soldati,

tante parole ci hanno regalato !…

Quanta storia c’è in verità,

dentro in Ferrara per questa parlata !

Un chiacchierare che è destinato,

a svanire da questa società ;

un dialetto che sparirà,

purtroppo : una triste realtà !

Radio, tivù hanno fagocitato,

tutto il suo impianto: sbriciolato !

E dagli snob , che sostengono che la parlata,

ferrarese va eliminata !

Hanno ragione ? mah ? forse, chissà ?

Cancellare il dialetto ? una gran cavolata

secondo me, sempre sbaglieranno,

e dal cuore nessuno me lo strapperà,

finché avrò fiato in petto,

la mia lingua rimarrà !

Ricordando chi me l’à insegnata,

con amore ed un po’ d’umiltà,

il mio pensiero incarnerà,

queste poche parole..un po’ sussurrate,

-Per il mio bel dialetto che m’avete insegnato,

grazie, nonni, mamma e papà !

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi