Gio 22 Dic 2016 - 1194 visite
Stampa

Terre del Reno. Cosa cambia con la fusione

A Mirabello e Sant'Agostino circa un milione di euro in dieci anni. Poi 3mila dalla Regione

unnamed-3di Serena Vezzani

Sant’Agostino. Sarà operativo già dal 2 gennaio 2017 il nuovo comune di Terre del Reno: l’hanno annunciato il sindaco di Mirabello Angela Poltronieri e il commissario prefettizio di Sant’Agostino Adriana Sabato.

Rimarranno nella sede comunale di Sant’Agostino il settore degli affari generali e istituzionali, servizi alla persona, servizi economici-finanziari, tributi, personale e partecipazioni societarie; a Mirabello, nella sede del comune, saranno il settore lavori pubblici, ambiente-reti e quello dell’urbanistica, mentre manterranno presidi in entrambe le località il settore vigilanza della polizia e sicurezza pubblica, le biblioteche, i servizi demografici dell’anagrafe, elettorale e stato civile.

“La vera sfida – afferma Adriana Sabato, – è stata razionalizzare, armonizzare ed equilibrare il nuovo assetto, la nuova ossatura, senza produrre stravolgimenti e troppo disagio nella cittadinanza. Abbiamo adeguato vecchie e nuove abitudini, istituito un unico sistema informatico, organizzato corsi di formazione per un personale più specializzato”.

Senza dimenticare, ha sottolineato Poltronieri, “la revisione di tutti i regolamenti, contratti, convenzioni, la viabilità e la toponomastica, il nuovo stemma comunale, la bandiera e il gonfalone, la trascrizione delle proprietà dei beni immobili, della motorizzazione civile Aci per i mezzi comunali, i servizi Asl, la protezione civile, il catasto”.

Ma saranno tanti i benefici dal punto di vista finanziario e contabile della fusione: “Lo Stato – spiega Poltronieri, – erogherà in dieci anni 9.678.630 euro. In quindici anni, il contributo regionale ammonterà invece a 2.700.000, e un contributo annuo per tre anni di 150.000 euro a seguito di rendicontazione in ordine alle spese sostenute per l’avvio del nuovo ente”. In diminuzione, nel 2017, anche le aliquote Imu per i contribuenti del comune di Mirabello, che passeranno dal 10,6 al 7,6 per mille circa, con l’unica eccezione per le seconde case.

Maggiorate anche le possibilità assunzionali, che permetteranno assunzioni a tempo indeterminato nel limite del 100% delle spese relative al personale di ruolo cessato dal servizio dell’anno precedente.

Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni Estense.com offre una informazione indipendente ai suoi lettori e non ha mai accettato fondi pubblici per non pesare nemmeno un centesimo sulle spalle della collettività. Ora la crisi che deriva dalla pandemia Coronavirus coinvolge di rimando anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, non è più sufficiente.
Per questo chiediamo a chi quotidianamente ci legge e, speriamo, ci apprezza di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di ferraresi che ci leggono ogni giorno, può diventare fondamentale.


OPPURE
se preferisci non usare PayPal ma un normale bonifico bancario (anche periodico)
puoi intestarlo a:

Scoop Media Edit

IBAN: IT06D0538713004000000035119
(Banca BPER)
Causale: Donazione per Estense.com
Stampa