Mer 11 Set 2019 - 5386 visite
Stampa

I Nomadi chiudono in bellezza la Fiera di Santa Croce

Pienone per il concerto gratuito della storica band, che chiude un'edizione da grandi numeri per la kermesse codigorese

di Giuseppe Malatesta

Codigoro. Grandi emozioni per la serata conclusiva della 348° Fiera di Santa Croce, accompagnata a Codigoro dalle note dei Nomadi, la storica band che sul palco del campo sportivo dei Salesiani, in pieno centro, ha ripercorso 55 anni di successi con un concerto gratuito incluso nel ‘Tutta la Vita Tour’ davanti ad una platea di 5mila spettatori.

‘Io vagabondo’, ‘Io voglio vivere’, ‘Dio è morto’, ‘Un pugno di sabbia’ sono solo alcuni dei brani cantanti insieme al tanto pubblico dalla voce di Yuri Cilloni, accompagnato nella formazione attuale dall’intramontabile Beppe Carletti, da Cico Falzone, Daniele Campani, Massimo Vecchi e Sergio Reggioli, che la scorsa primavera hanno lanciato ‘Milleanni’, un nuovo album che si aggiunge agli oltre 80 pubblicati in mezzo secolo di attività.

Prolungati gli applausi che hanno anticipato il brano ‘Ti lascio una parola (Goodbye)’, intonato in ricordo di tutte le vittime di femminicidio, un pensiero lanciato dal palco a metà concerto che ha commosso il pubblico. Non sono mancati messaggi in memoria dei caduti di Nassirya, a sostegno delle Forze dell’Ordine quotidianamente sul campo per la tutela dei cittadini e un monito contro le guerre nel mondo.

Dopo quasi due ore di live, i Nomadi non si sono sottratti alla calca dei fans, tra selfie e autografi nel prato e nel backstage, prima di lasciare la scena alle iniziative ‘notturne’ e conclusive della Fiera, i fuochi pirotecnici sul Po di Volano e l’estrazione della tombola da 12500 euro, vinta da fortunati giocatori di Goro e di Italba. Alla tombola è seguita l’estrazione della lotteria, che metteva in palio una vettura Volkswagen T-Cross, assegnata al possessore del biglietto numero 6313.

“Nonostante la pioggia dei primi giorni, il primo bilancio di questa edizione di Santa Croce è più che positivo” ha commentato a caldo il sindaco Alice Zanardi, ricordando il grande riscontro dei cinque concerti proposti e la numerosa partecipazione alle tre tombole, che hanno assegnato in totale 35mila euro.

E parlando di numeri, il primo cittadino ripercorre quelli più significativi legati ad eventi musicali e gastronomia: “Abbiamo registrato il pienone in tutti i concerti che si sono susseguiti in Piazza Matteotti, con la partecipazione di cantanti e gruppi acclamati da giovani e meno giovani (Ostetrika Gamberini e Timothy Cavicchioli, Queen Vision, Gallo Team, Federica Carta e Shade). Lo stand del gemellaggio con la città tedesca di Eppertshausen – prosegue il sindaco – ha totalizzato 800 coperti. Più di 500 piatti di vongole sono state cucinati dalla Pro Loco di Goro nel maxi padellone da guinness dei primati. Trecento coperti sono stati serviti nello stand dell’Aido e 650 allo Sport Street food nel campo polivalente ex Salesiani”.

Ben duemila sono i coperti serviti nello stand della Nuova Unione Sportiva Codigorese, 70 gli espositori che hanno partecipato alla fiera la quale, nonostante il tempo incerto di domenica, ha bissato il successo di tutte le edizioni precedenti, puntando sulla qualità e sulla varietà. Seguitissima anche la fiaccolata in canoa e sup lungo il Po, organizzata sabato dal Circolo Nautico Volano e culminata con uno spettacolo piro-musicale organizzato dall’amministrazione comunale e curato da Giuliano Sardella, dedicato ai 50 anni dello sbarco sulla Luna.

“La chiave del successo della Fiera di Santa Croce – conclude il Sindaco – è riposta nell’entusiasmo e nel lavoro di squadra compiuto da tante associazioni, che hanno collaborato tra loro e con l’amministrazione per assicurare alla manifestazione la perfetta riuscita. Voglio ringraziare i volontari, i dipendenti comunali, le aziende, le associazioni, che a vario titolo hanno lavorato con impegno e grande professionalità. Da ultimo, ma non per ultimo, rivolgo un ringraziamento alle Forze dell’Ordine e al Nucleo volontari dell’Associazione nazionale carabinieri in congedo Alto Ferrarese, alla sezione locale di Protezione Civile e ai volontari della Croce Rossa Italiana per la sorveglianza assicurata durante i concerti e durante lo svolgimento di tutte le iniziative”.

E mentre la mente degli organizzatori corre già alla prossima edizione, la 349°, Codigoro si prepara ad un mese ancora caratterizzato da manifestazioni e occasioni di festa, a partire da domenica 15 settembre con la ‘Festa del Donatore’ – che celebrerà in piazza Matteotti il 50° anniversario di Avis Codigoro – per proseguire la rievocazione storica Pomposia Imperialis Abbatia il 21 e 22 settembre, con la Sagra della Patata del 29 settembre e con la 35° edizione del Premio Nazionale di Poesia Caput Gauri.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi