Sab 13 Lug 2019 - 198 visite
Stampa

Parrucche gratuite ai malati. La petizione arriva in Regione

Risoluzione presentata dal Pd per sollecitare misure d'aiuto che vadano incontro a donne e bambini con patologie che causano la perdita dei capelli

Foto d’archivio

“Parrucche gratuite per donne e bambini con patologie che causano la perdita dei capelli”. Il Partito Democratico presenta una risoluzione che accoglie riprende la petizione lanciata su change.org e promossa dalla ferrarese Odette Piola ed estende la proposta non solo ai pazienti alle malattie oncologiche ma a tutti quelli colpiti da altre patologie.

L’atto, che vede come prima firmataria Francesca Marchetti, è stato sottoscritto anche da Paolo Calvano, Barbara Lori, Stefano Caliandro, Roberto Poli, Roberta Mori, Enrico Campedelli, Katia Tarasconi, Manuela Rontini, Fabrizio Benati, Nadia Rossi, Antonio Mumolo, Valentina Ravaioli, Luciana Serri, Alessandro Cardinali e Paolo Zoffoli.

A seguito, si legge nella risoluzione, “di alcuni trattamenti antitumorali, quali la chemioterapia e la radioterapia, ma anche a causa di patologie autoimmuni come alcune tipologie di alopecia, nei pazienti si verifica una condizione di totale caduta dei capelli”. Per queste situazioni, si rimarca nel documento, “in particolare fra le donne e i bambini, è frequente il ricorso all’utilizzo di parrucche che non possono essere considerate un accessorio frivolo e superfluo ma un vero e proprio presidio sanitario necessario”.

Il presidente Bonaccini e l’assessore Venturi, riportano i consiglieri del Pd, “in risposta alla petizione rivolta alla Regione Emilia-Romagna sulla piattaforma change.org, hanno assicurato che presto verrà fissato un contributo regionale per le donne che richiederanno la possibilità di avere gratuitamente la parrucca a seguito di malattia oncologica, sollecitando anche al ministero della Salute di inserire questa prestazione nell’ambito dei livelli essenziali di assistenza e nel patto per la salute, affinché diventi un diritto esigibile in tutte le regioni”. L’acquisto e la manutenzione di questi presidi, proseguono, “implica ingenti costi, non sempre affrontabili dalle persone interessate: attualmente la spesa per l’acquisto della parrucca può essere detratta fiscalmente al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi”.

Marchetti e colleghi chiedono inoltre all’esecutivo regionale “di istituire un tavolo di confronto e di approfondimento con le associazione dei malati affetti da alopecia areata e con il centro di riferimento specializzato del policlinico Sant’Orsola di Bologna in merito ai percorsi di cura e di riconoscimento di questa patologia”. Sollecitano, infine, la Giunta “a richiedere al governo nazionale il riconoscimento dell’alopecia areata quale patologia cronica da inserire fra le malattie aventi diritto all’esenzione ticket o quale patologia rara, affinché venga data la possibilità alle persone con questa patologia di scaricare fiscalmente tutte le spese sostenute per l’acquisto di protesi e per i trattamenti di dermopigmentazione”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi