Mar 2 Lug 2019 - 2943 visite
Stampa

Clara “troppo cara”, i quattro sindaci dell’Alto Ferrarese scrivono ad Atersir

"Evidente il tentativo dell'azienda di alzare i costi, nell'impossibilità è giunta la scelta di ridurre il servizio"

Sulla base delle richieste formulate da Atersir a Clara in relazione alla modifica del servizio fornito al bacino Ovest dal 1° luglio, i sindaci di Cento Fabrizio Toselli, di Bondeno Fabio Bergamini, di Poggio Renatico Daniele Garuti e di Terre del Reno Roberto Lodi hanno inviato un loro contributo all’Agenzia Territoriale dell’Emilia-Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti.

Una riflessione, già posta all’attenzione dei soci nelle assemblee di Clara. “Abbiamo individuato – argomentano – le principali criticità che come soci ex Cmv si riteneva opportuno discutere per apportare quelle modifiche organizzative gestionali e amministrative necessarie ad ottimizzare ed efficientare il gestore dopo la fusione”.

Una necessità si è rivelata sopra tutte. “L’esigenza – specificano i quattro sindaci – di rivedere i costi dell’azienda discendevano dalle ‘discordanze’ nelle valutazioni di ordine economico sulle quali si era basato l’intero processo di fusione tra Area e Cmv. L’obiettivo di qualità perseguito doveva portare Clara a definire dei programmi economici-finanziari complessivi intorno ai €150 pro capite in linea con le esperienze regionali”.

Obiettivo non centrato dal momento che si è registrato una lievitazione di costi, che per alcuni comuni risultano del 50% superiori agli obiettivi originari presi a parametro medio.

Per i quattro sindaci appare piuttosto “evidente il tentativo dell’azienda, controllata da soci ex Area, di innalzare costi attribuiti al bacino Ovest per rivelarli a quelli del bacino est storicamente più oneroso”.

“Nell’impossibilità – concludono Toselli, Bergamini, Garuti e Lodi – di conseguire l’obiettivo è giunta la scelta di ridurre il servizio. L’azienda ha preferito seguire la via del risparmio, mediante la sconsiderata decisione di ridurre i servizi cittadini del bacino Ovest contro il volere dei espresso nella votazione del 30 aprile scorso e con lo scostamento agli standard minimi, in violazione della programmazione di ambito. Ciò peraltro invece di ridurre i costi gestionali ed amministrativi di una società che sembra annoveri, tra l’altro, un numero abnorme di impiegati rispetto alle reali esigenze di un bacino di 237000 abitanti equivalenti”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi