Gio 23 Mag 2019 - 145 visite
Stampa

Il futuro del quartiere Giardino visto da Modonesi

Il sindaco di Rimini porterà la sua testimonianza al grattacielo insieme a speaker e residenti 

Tra i punti centrali di Aldo Modonesi, candidato sindaco alle elezioni comunali di domenica prossima 26 maggio, c’è la riqualificazione di un intero quartiere e questa sera, giovedì 23 maggio alle 21, presenterà le proposte in merito ai cittadini.

L’appuntamento è nella sala polivalente del Grattacielo (lato nord, viale Cavour 189) e insieme a lui interverrà il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, oltre a residenti del quartiere e speaker che porteranno testimonianze ed esperienze utili a disegnare il nuovo quartiere Giardino.

L’aspirante sindaco sogna “un quartiere universitario, in cui i residenti storici possono convivere con giovani e nuove famiglie. Un quartiere ben collegato con gli altri poli della città e non solo, visto che ospita la stazione ferroviaria. Un quartiere dove poter avviare o consolidare attività commerciali e servizi ai cittadini affinché sia un quartiere ben presidiato e vivace. Un quartiere sicuramente più bello, più sicuro e che offre potenzialità che vanno pianificate e sostenute”.

“Sono orgoglioso che a portare la testimonianza di quanto sta facendo nella sua città ci sia Andrea Gnassi, primo cittadino di Rimini. – sottolinea Modonesi, che aggiunge – Quando ci sono delle criticità il punto di partenza è riconoscerle. Poi non basta denunciare o cavalcare l’onda della paura e delle emozioni. Bisogna ragionare e mettere a sedere attorno a uno, dieci, cento tavoli coloro che possono collaborare per portare soluzioni. Ecco quello che proponiamo ai ferraresi e ai residenti del quartiere per il futuro Giardino”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi