Sab 18 Mag 2019 - 359 visite
Stampa

Una firma contro la regionalizzazione della scuola. In piazza scendono i sindacati

Flc-Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola in piazza per sensibilizzare la cittadinanza: "Bisogna mantenere la centralità dell'istruzione"

di Davide Soattin

“No alla regionalizzazione del sistema di istruzione”. Questo l’appello congiunto di Flc-Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola che, contro la richiesta al Governo delle Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto di ottenere ulteriori forme di autonomia in materia di istruzione, legando così il sistema scolastico alla ricchezza dei territori, nella mattinata di venerdì, sono scese in piazza per una raccolta firme al fine di fermare “il pericoloso processo intrapreso” e per avviare “un confronto con tutti i soggetti istituzionali e sociali”.

L’obiettivo principale dell’iniziativa però è stata la sensibilizzazione dei cittadini verso la spinosa questione, come hanno spiegato Hania Cattani e Alessandra Zangheratti, rispettivamente segretarie di Flc-Cgil e Cisl Scuola: “Crediamo sia importante far sapere che la scuola pubblica è un bene che appartiene a tutti e di cui tutti se ne devono occupare. Questa è una delle prime uscite, ma dal 20 al 24 maggio ne ripeteremo altre perché vogliamo coinvolgere più persone possibili”.

“La scuola – hanno proseguito le rappresentanti dei sindacati – deve restare unita sul territorio nazionale, altrimenti si verrebbero a creare delle differenze che darebbero vita a istituti di serie A e istituti di serie B. Una disparità che poi si riverserà nella formazione dei cittadini. Bisogna mantenere la centralità scolastica e garantire l’unicità del sistema dell’istruzione e del futuro del Paese”.

Per poi concludere, prima dell’arrivo dei segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil: “Le firme verranno consegnate il 4 giugno prossimo al ministro Bussetti e per raccoglierne più possibili abbiamo portato la raccolta all’interno di tutti gli scolastici italiani. A livello provinciale, lo stiamo facendo unitamente a un giro di assemblee e ci stiamo avvicinando al migliaio di firme, ma anche oggi in piazza abbiamo ricevuto la visita di molta gente, tra cui diversi candidati al Consiglio comunale di diverse fazioni”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi