Gio 16 Mag 2019 - 328 visite
Stampa

Fabbri: “Tra la gente per ascoltare problemi e proposte”

l candidato del centrodestra al mercato del centro, poi tra le bancarelle di Pontelagoscuro

“Di nuovo tra la gente per confrontarci su progetti e idee per il futuro della città. Da domani fino alla chiusura della campagna elettorale sarò nei mercati e nelle frazioni per incontrare e ascoltare i cittadini. Vogliamo riavvicinare i ferraresi alla politica: nessuno deve sentirsi spettatore di decisioni inadeguate e calate dall’alto. Se i cittadini ci daranno fiducia il nostro modo di lavorare, fatto di ascolto e condivisione, non cambierà.  Costruiremo insieme le strade da percorrere e riporteremo la nostra bellissima città al livello che merita. Premieremo le buone idee liberando Ferrara dalle logiche di spartizione che l’hanno soffocata fino ad oggi”.

Dopo il successo del tour Piacere Chiamami Alan, terminato la settimana scorsa, il candidato sindaco per il centrodestra torna a dialogare con i quartieri e le frazioni della città.

Questa mattina Alan Fabbri sarà al mercato del centro storico di Ferrara, per spostarsi poi tra le bancarelle di Pontelagoscuro. In serata a partire dalle 1830 il nuovo tour toccherà San Bartolomeo con un primo appuntamento presso il Caffè Lady, poi Monesirolo e in chiusura Marrara. Il tour proseguirà la settimana prossima, con appuntamenti in aggiornamento.

“Non abbiamo la bacchetta magica e non siamo dei supereroi”, prosegue Fabbri “ma ci impegneremo al massimo per dare ai ferraresi le risposte che aspettano da troppo tempo, non ci volteremo dall’altra parte davanti ai problemi e premieremo sempre le buone idee, seguendo il principio della meritocrazia e della trasparenza”. Per il candidato “è ora di cambiare aria in questa città da troppo tempo soffocata da logiche di spartizione che ne hanno impedito lo sviluppo”.

Il Pd “ha sacrificato al proprio potere anche la crescita del territorio, occupando tutti i posti chiave e gestendo di fatto gran parte dell’economie con logiche amicali, che hanno impedito alle idee nuove di circolare e alle potenzialità della città di esprimersi”, conclude Fabbri “E’ questo il meccanismo che vogliamo cambiare e il primo passo è proprio quello di avvicinarci alle persone con la voglia di ascoltare, condividere e crescere insieme”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi