Lun 6 Mag 2019 - 491 visite
Stampa

Apre la Biblioteca Popolare Giardino per un “futuro diverso del quartiere”

Modonesi: "Non ci sono scorciatoie: o facciamo rinascere la zona oppure tutte le attività fatte dalle istituzioni per garantire la sicurezza non basteranno"

Apre finalmente i battenti l’attesa Biblioteca Popolare Giardino con una serie di iniziative inaugurali. Si anima, grazie al volontariato, l’anello che circonda il grattacielo ferrarese con questa nuova apertura che va ad aggiungersi al Centro di Mediazione, ad Officina Meca e alle altre iniziative culturali e sportive della sala polivalente Punto.189.

Uno spazio da condividere con il quartiere e i cittadini, pensato per divenire un punto di riferimento e un esempio virtuoso, la Biblioteca Popolare Giardino sarà aperta in orari inusuali: oltre alle canoniche mattine del mercoledì, del giovedì e della domenica, dalle 10 alle 12, sarà possibile frequentare la sala martedì dalle 20.30 alle 22.20, il venerdì dalle 16 alle 19 e, di nuovo 20.30 alle 22.20, e il sabato dalle 16 alle 19.

L’organizzazione punta sulle calde serate estive, affiancandosi anche all’attività concertistica serale di Officina Meca, ad un portone di distanza.

A rimarcare l’indole collaborativa dell’associazione di volontari, che gestisce lo spazio, l’inaugurazione di domenica mattina ha avuto luogo nell’attigua sala polivalente 189, con il supporto dell’associazione Cittadini del Mondo e il contributo artistico di Ferrara Off. La nota associazione teatrale ferrarese ha selezionato e letto alcuni testi letterari e poetici sul tema dell’albero, inediti e noti, visto la concomitanza con il festival di microteatro Bonsai.

Assieme alla presidentessa Arianna Chendi, a Paolo Marcolini e tutti i volontari, presenti anche le istituzioni al taglio del nastro, dal sindaco Tiziano Tagliani al candidato successore Aldo Modonesi che esprime parole di apprezzamento per questo “progetto coraggioso nato grazie alla tenacia di tanti cittadini che hanno deciso di scommettere sulla cultura e su un futuro diverso per il quartiere Giardino. Non ci sono scorciatoie: o facciamo rinascere il Quartiere Giardino anche con sgravi per chi avvia nuove attività commerciali e servizi per la comunità e zero tasse per chi affitta case agli studenti oppure tutte le attività che già vengono fatte dalle istituzioni per garantire la sicurezza non basteranno. Sta qui la differenza tra chi ha una visione chiara di città e chi racconta di poter risolvere i problemi con gli slogan”.

La biblioteca è sempre in cerca di volontari e di donazioni: per informazioni ci si potrà rivolgere all’associazione tramite l’indirizzo info@bibliopopgiardino.it; all’interno dello spazio sarà possibile tesserarsi al costo di 10 euro.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi