Sab 27 Apr 2019 - 112 visite
Stampa

Tre bombe da far brillare nell’Argentano

I residuati bellici verranno fatti esplodere dagli artificieri della Folgore martedì 30 aprile

di Giada Magnani

Argenta. Ennesima operazione in territorio argentano degli artificieri. Martedì 30 aprile, alle 9.30, faranno brillare tre residuati bellici della Seconda guerra mondiale rinvenuti di recente a San Biagio, in un fondo di via Patuzza, a pochi metri di distanza da un’abitazione, nel corso di un lavoro di aratura; il secondo in un campo sito in località la Fiorana di Bando; il terzo lungo l’argine di un corso d’acqua a Longastrino.

I tre ordigni, una volta disinnescati, verranno fatti esplodere da una squadra dell’8° Reggimento Guastatori-Paracadutisti della Folgore, di stanza a Verona, col supporto di forze dell’ordine e mezzi di soccorso.

L’intervento, come già avvenuto in altre, molte, occasioni (quattro nel giro di qualche mese) avverrà in una cava di proprietà della Cooperativa agricola braccianti “Giulio Bellini” di Filo, in zona di bonifica, tra via Argine Circondario Pioppa II, via Ripalunga e del Mantello. Un’area questa che, nel raggio di 250 metri, e sino al termine dell’intervento, sarà opportunamente messa in sicurezza, resa inaccessibile, transennata, vietata al transito veicolare e ciclo-pedonale, ed evacuata.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi