Mer 24 Apr 2019 - 258 visite
Stampa

“Nero Laguna” diventa internazionale con focus su Notre Dame

Dal 2 al 5 maggio la terza edizione del festival letterario di Comacchio con la presenza di Tim Willocks e Alex Connor

Tim Willocks e Alex Connor

Comacchio. Con la presenza di Tim Willocks e Alex Connor, la terza edizione di Nero Laguna, il festival letterario realizzato dal Comune di Comacchio, diretto dallo scrittore Marcello Simoni in programma dal 2 al 5 maggio (con il patrocinio della Regione Emilia Romagna) si apre ad autori internazionali con un pensiero a Notre Dame.

Alla cattedrale francese pressoché distrutta dal rogo, ispiratrice nel corso dei secoli di moltissimi autori e romanzi – tra tutti Victor Hugo con Notre-Dame de Paris – sarà infatti dedicata l’anteprima con Simoni e Mariangela Ciavarella (giovedì 2 maggio, ore 16.30, Museo Delta Antico) che si confronteranno sulle Alchimie e misteri tra arte e letteratura.

Una terza edizione internazionale, perché se protagonista rimane il noir, tra gli ospiti spiccano lo scrittore, sceneggiatore e psichiatra britannico Tim Willocks (venerdì 3, piazzetta Trepponti, 18.30), dal cui Bad City Blues è stata tratta la trasposizione cinematografica e Alex Connor (domenica 5, Piazzetta Trepponti, 17.45), autrice di thriller e romanzi storici ambientati nel mondo dell’arte, tra cui il best seller Cospirazione Caravaggio. Tra gli ospiti Pupi Avati, che proprio a Comacchio ha girato il suo ultimo film, Il Signor Diavolo, e Gianrico Carofiglio. Oltre a Francesca Bertuzzi, Valerio Varesi, Luca Crovi, Eraldo Baldini, Massimo Lugli, Antonio Del Greco, Alberto Sebastiani, Patrizia Debicke.

Una scelta, quella di oltrepassare i confini nazionali, che Simoni reputa tutt’altro che un azzardo perché dopo due edizioni rodate dal punto di vista dell’affluenza e della critica, «lo scatto ‘internazionale’ era non solo necessario ma possibile». Più o meno invariato il format, concepito per rendere fruibile anche la città lagunare e il territorio. Pochi ma autorevoli autori, per una decina di presentazioni e alcune iniziative collaterali, come la Mostra su Troia, organizzata in collaborazione con il Mann di Napoli, così da evitare sovrapposizioni. Tutti concentrati tra Trepponti, simbolo di Comacchio, Museo Delta Antico, Antica Pescheria e Palazzo Bellini.

Per il pubblico che intende godersi tutti o un paio di giorni di festival, un pacchetto turistico concertato con il consorzio Visit (dettagli al sito www.visitcomacchio.it) con perlustrazioni mirate in ossequio «a precisi progetti culturali dell’Amministrazione, che puntano sul forte legame tra uomo e natura e ambiente e territorio», confermano il sindaco Marco Fabbri e l’assessore alla Cultura, Alice Carli. La città, puntualizza l’Ente, «proprio per il valore che attribuisce alla cultura crede nel festival letterario». Ed è pronta all’accoglienza con tutte le sue strutture ricettive. D’altra parte la rassegna ha un’ambizione turistica e come spiegano sindaco Fabbri e assessore Carli, ricordando anche la recente candidatura di Comacchio a Capitale Italiana della Cultura – ambizione che rimane – «si inserisce perfettamente nella nostra idea di sviluppo». Da sottolineare che «Comacchio si presta a essere visitata nei mesi non tradizionalmente estivi, godendo di un turismo per così dire garbato, che anticipa quello estivo sui lidi». A seguire, giovedì 9, Nero Laguna Off.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi