Ven 19 Apr 2019 - 57 visite
Stampa

Anche un Brindisi tra le opere della mostra ‘Resistenza, la voce dell’arte’

Con il prestito di una tela del 'Maestro', il Comune di Comacchio aderisce all'esposizione bolognese promossa nel 74° anniversario della Liberazione

Comacchio. Il Comune di Comacchio, aderendo alla richiesta pervenuta dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, parteciperà con una celebre opera dell’artista Remo Brindisia alla mostra ‘Resistenza: la voce dell’arte’, che si terrà a Bologna dal 19 aprile al 20 maggio.

Si tratta di un percorso di valorizzazione della ‘memoria’ in occasione del 74° anniversario della Liberazione, mirato ad illustrare la produzione artistica in Italia e in Emilia Romagna, legata spesso a numerosi concorsi organizzati nel dopoguerra da vari enti pubblici e privati sull’arte della Resistenza.

L’elemento guida del progetto espositivo è la realizzazione di una mostra che tenesse conto, nelle scelte, di un’attenta selezione di quadri, bozzetti, in grado di suscitare nel visitatore forti emozioni e di evocare i luoghi e i momenti cruciali della Resistenza. Un insieme di opere ‘ritrovate’, finite spesso in luoghi poco accessibili al pubblico e che ritornano alla luce mediante l’esposizione in parola, restituendoci oggi la narrazione tra passato e presente.

La tela prestata dal Comune di Comacchio

Con questa mostra, realizzata dall’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna in collaborazione con soggetti pubblici e privati, quali: l’Anpi regionale, i Comuni di Marzabotto, Monzuno e Portomaggiore, il Museo Fratelli Cervi, il Monastero di Bose e la Fondazione Tito Balestra, L’Anpi di Parma, espone al pubblico il lavoro di tanti pittori e scultori che si sono confrontati sul tema della Resistenza, ricercando al contempo un connubio tra la peculiare linea artistica del singolo e il dramma dell’opera rappresenta.

Il tema connesso alla mostra ha portato il Comune di Comacchio a collaborare all’esposizione con il prestito dell’opera ‘I partigiani fanno prigioniero Mussolini’ di Remo Brindisi, un dipinto datato 1958 che raffigura volti umani stilizzati su tonalità azzurre, bianche, grigio e ocra.

Con la collaborazione di Sandro Malossini e dei funzionari del Gabinetto, è stato possibile allestire un’esposizione dal forte impatto emotivo e dall’indiscusso valore civico.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi