Mar 26 Mar 2019 - 967 visite
Stampa

Scheletro nel sottomura. Nei prossimi giorni l’esame del Dna

Gli inquirenti cercano la conferma sull'identità della donna il cui corpo è stato trovato sabato mattina

Gli inquirenti continuano a lavorare per dare un’identità certa al cadavere ritrovato sabato mattina nel sottomura di via Caldirolo . “Nei prossimi giorni, gia da domani – spiega il procuratore capo Andrea Garau – verranno dati gli incarichi per il Dna e per svolgere gli accertamenti medico legali”.

L’esame del Dna servirà per confermare con certezza l’identità – che gli inquirenti (il fascicolo è in mano al pm Ombretta Volta) hanno circoscritto a una donna di circa 30 anni scomparsa da settembre, anche per via del cellulare che le è stato trovato a fianco – comparandola con campioni prelevati dai parenti e probabilmente già in possesso delle forze dell’ordine proprio a seguito delle procedure legate alla denuncia di scomparsa.

Dall’approfondimento medico legale ci si aspetta invece di avere contezza su come la donna sia deceduta: al momento non ci sono segni visibili di violenza ma le indagini procedono in ogni direzione. Non è improbabile che si sia trattato di un malore, che poi ha portato la donna a scivolare fatalmente nell’acqua che riempie il piccolo fossato quando piove, dove sono rimaste le sue ossa, in mezzo a tanti rifiuti e a una fitta vegetazione.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi