Dom 24 Mar 2019 - 982 visite
Stampa

Basta rifiuti a cielo aperto. Più di 100 firme raccolte in un’ora

Un gruppo di cittadini di Berra lancia la petizione contro l'inciviltà per chiedere l'installazione di impianti di videosorveglianza e non solo

Riva del Po. I residenti dell’oramai ex comune di Berra si sono mobilitati per dare un chiaro segno di protesta contro l’abbandono di rifiuti nel paese.

Il movimento “Il rifiuto non è nostro” nato su Facebook ha mobilitato i residenti, stanchi di vedere il proprio paese degradato a causa dell’abbandono di rifiuti in ogni dove, poiché questa situazione può rappresentare un grave pericolo per la sicurezza e la salute.

L’attenzione che si è creata attorno all’evento ha portato ad un primo incontro con la dirigenza di Clara spa. “Ora – commenta il portavoce dell’evento Stefano Finotto – ci aspettiamo la collaborazione anche del Corpo di Polizia Municipale Unione Terre e Fiumi e della nuova Amministrazione comunale”.

Sono diverse le idee esposte dal movimento. Innanzitutto l’inserimento nel sistema di raccolta dei rifiuti delle buste con codice identificativo per ogni nucleo familiare e aziende, tale da poter individuare dalla raccolta dati sia i livelli di smaltimento ma anche eventuali errori che ne compromettano l’uso dei materiali ed agire conseguenzialmente con notifiche sia in positivo che in negativo da inviare alle utenze che verranno premiate, richiamate o multate.

Il movimento chiede anche di dare mandato a tutti gli operatori di sorveglianza comunale di eseguire eventuali richiami o multe a chi viene preso in flagrante mentre abbandona rifiuti nell’ambiente. C’è anche la richiesta di utilizzare i dispositivi di video-sorveglianza già installati in via Bosco per monitorare e punire i responsabili dell’abbandono dei rifiuti incrementando anche le aree sottoposte al controllo.

Data l’affluenza sicuramente i residenti organizzeranno altre giornate per la raccolta firme, cercando di coinvolgere anche le frazioni di Cologna e Serravalle. “Non ci fermiamo qui – commenta Finotto – i buoni propositi ci sono, la risposta da parte dei nostri compaesani c’è stata, è chiara la necessità di un intervento da parte delle istituzioni”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi