Ven 15 Mar 2019 - 1651 visite
Stampa

Bagnai a Ferrara presenta le “riforme economiche del governo del cambiamento”

Il senatore della Lega ospite alla Camera di Commercio. Alan Fabbri: "Presentiamo il nostro programma per il futuro dell’economia ferrarese"

Lunedì 18 marzo a partire dalle 19, sarà ospite presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Ferrara, Alberto Bagnai, senatore Lega e professore associato di Politica economica presso il Dipartimento di Economia dell’Università Gabriele d’Annunzio di Chieti-Pescara. L’incontro, aperto al pubblico, è dedicato a “Le riforme economiche del governo del cambiamento”.

Intervengono anche il candidato sindaco per il centrodestra e capogruppo Lega in Regione Emilia Romagna, Alan Fabbri, e gli onorevoli Maura Tomasi ed Emanuele Cestari della V Commisione Bilancio della Camera dei Deputati.

“L’occasione sarà importante per presentare gli obiettivi programmatici della coalizione di centrodestra per quanto riguarda il futuro dell’economia ferrarese” aggiunge il candidato a sindaco di Ferrara, Alan Fabbri.

“Il lavoro e la crescita delle aziende sono un tema centrale delle nostre politiche – prosegue Fabbri -, che trasformeremo, se i cittadini ce ne daranno la possibilità, in proposte amministrative concrete”.

Per dare alla città “la possibilità di competere con le realtà più importanti della regione e tornare finalmente ad occupare il posto che le spetta tra le province emiliano romagnole e del nordest, sono necessarie tre condizioni – elenca il candidato leghista -: agevolazioni fiscali per le imprese, un progetto urbanistico adeguato e le infrastrutture. Se sarò scelto come sindaco, adotterò per Ferrara piani industriali e di crescita urbanistica improntati allo sviluppo, prevedendo agevolazioni fiscali per i nuovi insediamenti, che rendano competitivo il nostro territorio in termini di attrattività per le imprese”.

Oltre a “garantire alle aziende la possibilità di arrivare o di rimanere a Ferrara dovremo anche assicurare loro un futuro – commenta Fabbri -. E per farlo diventa fondamentale il tema delle opere infrastrutturali e viarie, sia interne al comprensorio che di collegamento. Se sarò alla guida della città mi spenderò in tutte le sedi e attraverso tutte le possibilità che la carica di primo cittadino consente, per garantire a Ferrara le infrastrutture a la viabilità necessarie a dare alla città quella centralità e quel respiro a livello regionale, che le è sempre mancato, anche per colpa di una visione miope e limitata della sinistra che governa, in città, da 70 anni”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi