Ven 15 Mar 2019 - 112 visite
Stampa

Soste pericolose davanti alla scuola Bonati: Peruffo segnala la situazione al sindaco

La consigliera di Forza Italia ha scritto un'interpellanza per chiedere di risolvere una situazione potenzialmente pericolosa per gli studenti

Attenzione alle auto in sosta vietata davanti nei pressi della scuola Bonati, che potrebbero rappresentare un pericolo per gli studenti negli orari di ingresso e di uscita dall’istituto durante l’attraversamento delle strade. A segnalare il problema attraverso un’interpellanza al sindaco Tiziano Tagliani è la consigliera comunale di Forza Italia Paola Peruffo, secondo cui soprattutto “in orario serale e di punto sono numerose le auto parcheggiate in via Pitteri al di fuori degli stalli, in particolare nei pressi degli incroci”, per poi chiedere al sindaco “per quali motivi la zona non è oggetto di pattugliamento della Polizia Municipale per il controllo della sosta regolare e per le sanzioni delle auto che non rispettano la regolare distanza dagli incroci, costituendo un pericolo, specie per gli utenti deboli della strada”.

La consigliera spiega infatti che i veicoli in zona, “parcheggiati in zone di sosta non consentita, non rispettando la distanza minima dagli incroci, come richiesto dal Codice della Strada, limitano di fatto la visibilità delle auto in transito, oltre a restringere pericolosamente le carreggiate. Questo fatto, specie negli orari di ingresso e uscita degli studenti dalla scuola, rende estremamente problematico il transito di bambini e dei loro familiari sottoponendoli a pericoli”. E a questo si aggiunge che “su queste strade sono posizionati cartelli di divieto di sosta, che, chiamata più volte la Polizia Municipale dai residenti di via Pitteri e di via Roveroni, gli agenti hanno comunicato di non poter sanzionare i trasgressori in quanto i suddetti cartelli non risultano ordinanziati, risultando pertanto inutili”.

Da qui la richiesta di Peruffo al sindaco di verificare la situazione, oltre alla domanda sui motivi per cui “sono stati collocati cartelli stradali di divieto di sosta non ordinanziati, pertanto inutili a disciplinare la sosta dei mezzi”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi