Mer 13 Mar 2019 - 1820 visite
Stampa

Il Polo civico è già rotto. Ferroni esce: “Impossibile navigare nell’assoluta incertezza”

Il candidato di ScelgoFe prende le distanze da Fusari e Giubelli: "Non si sa ancora candidato e programma, questo non è civismo"

Le prime avvisaglie ci sono state, ma ora la rottura è netta e definitiva. Giorgio Ferroni, candidato sindaco con la lista civica ScelgoFe, ufficializza l’uscita dal ‘Polo civico’, instaurato appena dieci giorni fa con i ‘colleghi’ Roberta Fusari, Paolo Giubelli e i ‘pizzarottiani’.

L’appello per chiedere “chiarezza e passi avanti” è rimasto inascoltato e per Ferroni è arrivato il momento di fare dietrofront: “Per me il tempo è scaduto. Ho chiesto di fissare poche e basilari regole. Puntualizzando da subito, come ho detto e ripetuto in ogni occasione pubblica, la contrarietà a un candidato espressione di un partito. E ho assicurato che su questo punto mai avrei abdicato e non sarei sceso a compromessi”.

Ma il cosiddetto “percorso di sintesi” non è andato come previsto. “Ancora, non è possibile, dopo due settimane dalla presentazione del Polo Civico e a poco più di due mesi dal voto, navigare nell’assoluta incertezza organizzativa e contenutistica – nota il candidato -. Quindi non sapere non solo chi sarà il candidato, ma se si correrà con una lista civica unica o più liste e quali saranno i punti del programma elettorale. E non sapere quindi come presentarsi agli elettori”. Elettori che, come già aveva fatto notare, cominciano “legittimamente a percepirci come ambigui”.

Non è mancata la “disponibilità a fare un passo indietro purché si scegliesse un candidato tra gli altri” ricorda il candidato di ScelgoFe, ma “neppure questa è stata condizione sufficiente per accelerare i lavori togliendo il velo dell’ambiguità. Mi sono presentato mettendoci la faccia, assicurando che sarei stato leale e coerente con gli elettori. E intendo continuare ad esserlo”.

La decisione è maturata martedì pomeriggio, al termine dell’ultimo incontro del Polo civico: “I componenti non hanno risposto alle questioni sollevate il giorno prima, così non si può andare avanti. Questo non è il mio modo di intendere il civismo, che per me è sinonimo di sostanza e dinamismo, non di tattica. Alle parole ScelgoFe preferisce i progetti”. Progetti che non includono il Polo civico, che inizia a perdere pezzi.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi