Sab 2 Mar 2019 - 286 visite
Stampa

Peruffo: “Inaccettabile quanto accaduto alla Biagio Rossetti”

La consigliera di FI dopo la caduta di una finestra in classe: “I beni pubblici, in particolar modo le scuole, necessitano di un’attenzione specifica ai massimi livelli”

“Ritengo inaccettabile che un intervento edile realizzato nel 2016 presso un istituto pubblico, luogo a cui affidiamo i nostri figli, sia realizzato in modo così approssimativo da decretare il collasso di un infisso in condizioni ambientali assolutamente normali”. Lo afferma Paola Peruffo, consigliera comunale di Forza Italia, che interviene su quanto accaduto alla scuola Biagio Rossetti, dove una finestra è caduta da sola addosso agli alunni, per fortuna senza che nessuno sia rimasto ferito in modo grave.

“Da consigliere – rimarca Peruffo – ho sollevato più volte il tema della sicurezza all’interno delle scuole pubbliche e private, in considerazione del fatto che molti istituti sono ospitati all’interno di edifici di oltre 60 anni, con tutti i rischi riscoperti nel 2012 in merito alla sismicità del territorio.  Ciò che è capitato all’interno della scuola “Biagio Rossetti”, con la caduta di un infisso in classe durante le ore di lezione, è un fatto ancora più grave, pur nella buona sorte che ha limitato i danni, con ferite fortunatamente lievi ai bambini presenti. I beni pubblici, in particolar modo le scuole – conclude la consigliera azzurra -, necessitano di un’attenzione specifica ai massimi livelli, a questo punto senza trascurare la verifica degli interventi di adeguamento compiuti negli ultimi anni”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi