Gio 14 Feb 2019 - 617 visite
Stampa

Formignani lancia ‘Juke Joint’, il nuovo festival musicale ferrarese

60 concerti in 12 giorni nel progetto nato da un’idea dell'Associazione Musicisti di Ferrara

Juke-Joint è il nuovo Festival musicale completamente gratuito nato a Ferrara che porterà tantissima musica di qualità e rigorosamente dal vivo nei locali della città per condividere con te l’esperienza di 60 concerti in 12 giorni. Pensato da Roberto Formignani noto musicista e presidente dell’Associazione Musicisti Ferrara, il progetto è finanziato dal Comune di Ferrara tramite l’assessorato alla Cultura e alle politiche giovanili e promosso dalle associazioni di categoria Cna, Ascom Confesercenti e Legacoop. Il festival partirà il 27 febbraio fino al 22 marzo tutti i mercoledì, giovedì e venerdì e vestirà il nostro comune di musica.

I locali dove si potrà assistere alle esibizioni sono 15: Bacaro 35 rosso, Arci Bolognesi, Antica Osteria delle Volte, Il Ciclone, Shannon’s Irish Pub, 555 Corti del Maxxim, Pulcinella, Roverella 2000, La Cantinetta, Club Weizen, Hangar, Orsatti c/o Hotel Astra, Kristall Bakery, Ciacco nel girone dei golosi, La Compagnia.

Il progetto “Juke-Joint Locali Musicali” intende contribuire alla diffusione di una cultura musicale non mainstream – in particolare nel pubblico under 30 – attraverso la proposta di una molteplicità di piccoli eventi dal vivo che abbiano caratteristiche di originalità, tecnica e qualità.

Il progetto nasce da un’idea di Associazione Musicisti di Ferrara poi sviluppata in seno al consiglio direttivo di CNA Cultura di Ferrara ed estesa successivamente alle altre associazioni di categoria: Ascom Confcommercio, Legacoop Estense , Confesercenti e Keep On.

In pieno accordo con le finalità della nuova legge regionale sulla musica, il progetto intende favorire, anche sul nostro territorio, la nascita di una rete dialogante fra più soggetti qualificati per promuovere la musica dal vivo, senza allestire l’ennesimo grande palco ma portando la musica nei luoghi di ritrovo giovanili, privilegiando performance semi acustiche ed originali.

In passato Ferrara si è più volte dimostrata sensibile a questo tipo di proposta culturale ed era molto facile reperire un’offerta di piccoli concerti programmati a proprie spese da locali, oggi però la musica è fruita dal vivo prevalentemente nelle grandi occasioni o se abbinata a talent/concorsi di vario genere oppure se rimanda ad altro (tribute). In qualunque caso diverso da questi, per un imprenditore programmare serate con musicisti live è attività più vicina alla filantropia che al business aziendale; è per questo che il progetto è sostenuto in parte da un contributo economico del Comune di Ferrara.

Ma perché Juke-Joint? “Juke Joint – spiegano gli organizzatori – veniva usato come termine dialettale per descrivere i locali dove gli afroamericani dopo l’emancipazione, si riunivano per suonare, ballare e stare insieme. Anche noi crediamo che ritrovarsi in un locale a chiacchierare ed ascoltare buona musica mentre si mangia e beve in compagnia, sia uno dei modi migliori per alleggerire il peso delle giornate e stare bene. Questa è una “puntata zero” per poi poter dal prossimo anno raddopiare , allungare i tempi dell’ evento e aggregare tanti altri locali insieme alla famiglia Juke Joint”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi