Dom 10 Feb 2019 - 2018 visite
Stampa

Forza Nuova scende in strada: “Riprendiamoci Ferrara”

A 24 ore dal presidio di estrema destra, il Gruppo Gad organizza una manifestazione per "ripulire l'area dalla sporcizia e dal razzismo" 

“Riprendiamoci Ferrara”. Con questo slogan, scritto su un lungo striscione, i militanti di Forza Nuova sabato mattina sono scesi in strada in zona Gad, più precisamente all’ombra dei grattacieli, in viale della Costituzione.

“Siamo presenti in tutte e cinque le provincie emiliane” hanno sostenuto con forza gli esponenti del movimento di estrema destra, prima di lasciarsi andare a un lungo sfogo contro la mafia nigeriana e contro gli spacciatori che rendono invivibili strade “dove gli italiani e le donne italiane non possono camminare in sicurezza”.

Un attacco è stato rivolto anche “alle associazioni femministe”, in riferimento allo striscione affisso sotto casa del sindaco Tiziano Tagliani – recitante “No adozioni gay” e firmato dal dipartimento femminile di Fn -: “Era a difesa della famiglia. Sono quelli i veri problemi di Ferrara?”.

Una piccola sferzata è arrivata anche nei confronti della Lega: “Solo noi scendiamo in piazza, qua non vediamo leghisti o chissà altro che ora si riempie la bocca di nazionalismo”. 

A 24 ore dal presidio di estrema destra, il Gad – Gruppo Anti Discriminazioni annuncia una manifestazione alla stessa ora e nello stesso posto: “Domenica 10 febbraio, alle 11, a seguito del presidio di Forza Nuova del giorno precedente, il gruppo Gad e quanti vorranno partecipare si troverà ai giardini del grattacielo per ripulire l’area dalla sporcizia e dai residui di razzismo”.

“È il nostro modo per ribadire che le idee di odio e violenza contro chi è diverso non possono avere spazio politico in questo Paese. Non tutte le idee sono legittime, quelle che mettono in pericolo la vita e la libertà delle persone non possono essere accolte né trovare spazio pubblico di espressione” dichiarano gli attivisti che, per l’occasione, esporranno le opere di Francesco Piobbichi tratte dai sui libri “Sul mare spinato” e “Disegni dalla frontiera” e invitano i partecipanti a “portare abbigliamento comodo, guanti, sacchi per il pattume e pranzo al sacco”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi