Lun 21 Gen 2019 - 1022 visite
Stampa

Crisi Bondi senza fine, la Baltur fa suo il derby del basket

Cento si aggiudica la sfida con Ferrara con uno strepitoso secondo tempo. Ore contate per coach Bonacina.

Il Kleb Basket perde tutto. Il derby, la faccia e anche la differenza canestri in quello che è un tracollo che francamente si fatica a raccontare. Merito anche a Cento che senza Moreno e Kuksiks va a vincere 89-80 riprendendo la corsa salvezza, spinta da un fantascientifico secondo tempo giocato con una voglia ed una cattiveria agonistica che hanno messo in imbarazzo il maggior talento (o presunto tale) delle controparti ferraresi. Sugli scudi Reati che chiude con 26 punti, 7 rimbalzi e 4 assist accompagnato dall’encomiabile classe operaia di Chiumenti, Gasparin, Fioravanti e Ba che portano tutti il loro apporto alla causa centese senza arretrare mai di un millimetro.

In casa Bondi invece la crisi è di quelle serissime, con lo spettro della retrocessione che inizia a prendere forma. E dire che nel terzo quarto i biancoazzurri avevano raggiunto anche il +13 salvo poi spegnere completamente la luce ed assistendo passivamente alla rimonta avversaria. Swann con 38 punti canta e porta la croce mentre Fantoni fa quello che può in un reparto lunghi che va in sofferenza contro qualsiasi squadra ormai. Ganeto e Campbell poi non danno seguito a quanto di buono fatto vedere la scorsa settimana (5/23 complessivo al tiro per i due). L’assenza di Panni per un attacco febbrile non può essere una scusante ed ora il presidente D’Auria sarà costretto ad intervenire anche sulla guida tecnica per dare una scossa ad una stagione che sta assumendo connotati al limite dell’assurdo.

In tutto ciò Ferrara approccia anche bene la partita con un bel parziale iniziale di 0-9. Mays sbaglia ancora dall’arco e Campbell appoggia per il +11. Cento si sblocca con Gasparin da tre seguito dai due di Reati. Fantoni da sotto raccoglie un rimbalzo offensivo tutto solo e insacca al terzo tentativo ma ancora la Baltur si riporta sul -4 e Ferrara chiama timeout (9-13 all’8’). Liberati entra dalla panchina e segna da tre ed a lui risponde Chiumenti con un bel gancio in area pitturata. Bonacina dà fiducia anche a Calò e De Zardo provando a coinvolgere anche i giovani in questo derby, ma con scarsissimi risultati. Le percentuali al tiro sono basse da entrambe le parti ma la Bondi finisce comunque il primo quarto avanti di due possessi sul 14-19.

Mays e Swann si sbloccano al tiro pesante e la Bondi forza due palle perse a Cento con una grandissima difesa di squadra. A cò si aggiungono anche altri cinque punti di Swann per il nuovo +9 estense. La Baltur ovviamente non ci sta e reagisce con i canestri di esperienza di Reati e Benfatto, imitati poi da Chiumenti che torna anche a ruggire in difesa (25-28 al 14’). Zona Baltur in difesa e triple di Mays e Liberati, assalto respinto da tre liberi di Swann (32-36 al 17’). Ferrara con l’avvicinarsi dell’intervallo riesce a tornare a distanza di sicurezza essendo Cento troppo dipendente dalla vena offensiva di Gasparin e Chiumenti, mentre in difesa i biancorossi non riescono ad arginare Swann (22 punti all’intervallo). Il secondo quarto vede poi il suo epilogo con l’ennesimo sfondamento di Campbell ai danni di Chiumenti e la successiva palla persa dalla Baltur che fanno restare il tabellone sul 37-45.

Nella ripresa Swann continua a fare a fette la difesa centese mostrando tutto il suo arsenale: prima sfrutta il blocco di Fantoni e segna dalla media, poi spara e segna da tre ed infine ne mette altri due con la penetrazione mancina del 39-52 al 23’. Questo è un bene per la Bondi perché Campbell litiga col canestro e Ganeto si sblocca solo nel terzo quarto. La Baltur prova in tutti i modi a restare in partita grazie a Reati da tre e ad una rinnovata energia difensiva (50-57 al 26’). Lo stesso reati di puro talento sigla il -5 dalla media costringendo coach Bonacina al timeout. L’inerzia resta comunque dalla parte della Baltur con ancora Reati scatenato da tre e Ba che completa il 19-5 di parziale che vale il -1. Coach Bechi pesca bene dalla panchina con Ebeling e Fioravanti che segnano le clamorose triple del 64-59 per il tripudio biancorosso di fine terzo quarto. La Bondi è un pugile alle corde mentre Fantoni e Ganeto, che tanto avevano dato a livello di energia, chiamati nuovamente sul parquet da coach Bonacina.

I biancoazzurri annaspano anche perché Campbell sì inizia bene l’ultimo quarto rubando subito palla ma il suo buttarsi costantemente a testa bassa contro la difesa avversaria non produce nulla. Dall’altra parte Cento invece è in completo controllo della partita e scappa sul +11 con la tripla di Ebeling e l’appoggio di Reati (73-62 al 32’). Il 34-10 di parziale aperto è esplicativo di come i padroni di casa giochino con un’intensità di un altro pianeta rispetto a Ferrara. Swann torna a segnare con due appoggi consecutivi ma la Bondi resta slegatissima in attacco (74-66 al 35’). Cento dopo aver giocato ai cento all’ora sembra respirare mancando di conseguenza il colpo del ko. Ganeto sbaglia clamorosamente da sotto il canestro del potenziale -4 ma Fantoni rimedia dalla lunetta. Dall’altra parte Reati torna a segnare da tre cosa che Ferrara non riesce davvero più a fare. Al 37’ è poi Gasparin dall’angolo a siglare il decisivo +10 che rappresenta l’ultimo chiodo nella bara estense. La partita finisce con Cento meritatamente in festa per una vittoria voluta nonostante le mille difficoltà e che rilancia i biancorossi nella lotta salvezza. Dall’altra parte c’è una Bondi che da possibile mina vagante del campionato è passata ad essere la maggior accreditata per la retrocessione diretta. Urge una scossa per fare si che la stagione non sia finita dopo il ‘caso’ Hall.

Baltur Cento – Bondi Ferrara 89-80 (14-19, 23-26, 27-14, 25-21)

Baltur Cento: Davide Reati 26 (5/5, 4/9), Giovanni Gasparin 14 (2/4, 3/5), Alberto Chiumenti 14 (5/7, 0/0), Keddric Mays 12 (1/1, 2/4), Matteo Fioravanti 10 (3/7, 1/5), Michele Ebeling 6 (0/1, 2/5), Adama Ba 4 (1/3, 0/0), Michele Benfatto 3 (1/2, 0/0), Marco Pasqualin 0 (0/0, 0/0), Giacomo Manzi 0 (0/0, 0/0), Sergio Invidia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 17 / 32 – Rimbalzi: 37 11 + 26 (Adama Ba 8) – Assist: 17 (Giovanni Gasparin 7).

Bondi Ferrara: Isaiah Swann 38 (5/8, 5/12), Tommaso Fantoni 12 (2/7, 0/0), Folarin Campbell 11 (2/9, 1/3), Davide Liberati 6 (0/1, 2/4), Gabriele Ganeto 5 (1/5, 1/7), Lorenzo Molinaro 5 (2/4, 0/4), Andrea Mazzoleni 3 (1/2, 0/0), Ruben Calò 0 (0/0, 0/1), Lorenzo De zardo 0 (0/0, 0/1), Alessandro Mazzotti 0 (0/0, 0/0), Simone Conti 0 (0/0, 0/0), Alessio Petrolati 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 27 / 39 – Rimbalzi: 41 16 + 25 (Tommaso Fantoni 11) – Assist: 8 (Isaiah Swann, Folarin Campbell 3)

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi