Mer 16 Gen 2019 - 459 visite
Stampa

La Baltur rescinde con il coach Benedetto e il ds Pulidori

Baslet, serie A2. La società: "Decisioni molto sofferte e prese con grande dispiacere"

Giovanni Benedetto (foto di Fabio Pozzati)

Cento. Infortuni, sconfitte ma anche poche attenuanti. La Baltur Cento ha rescisso il contratto con il coach Giovanni Benedetto.

Una “rescissione consensuale”, comunica la società Benedetto XIV che in una nota fa sapere che “a seguito della grave crisi di risultati della squadra, il cui perdurare potrebbe rischiare di compromettere irreparabilmente la possibilità di mantenere la categoria così faticosamente conquistata nell’esaltante scorsa stagione, ha deciso di attuare importanti cambiamenti nella conduzione tecnica ed organizzativa”.

A giustificare in parte il poco esaltante cammino in serie A2 dei centesi ci sono state “le note e serie vicissitudini sul piano degli infortuni che hanno colpito la squadra fin dall’inizio della preparazione”, che “sono certamente delle attenuanti”, ma “non tali da giustificare le troppe deludenti prestazioni della squadra”.

La società ha inoltre deciso di interrompere il rapporto di collaborazione con il direttore sportivo Andrea Pulidori. “Naturalmente queste decisioni – prosegue la società -, assunte all’unanimità nella riunione del consiglio di lunedì sera, convocato d’urgenza dopo la pesante e brutta sconfitta di Piacenza, sono state molto sofferte e prese con grande dispiacere”.

Questo perché “non possono infatti essere dimenticati gli importanti e brillanti risultati che, sia Giovanni Benedetto che Andrea Pulidori, hanno contribuito a raggiungere in questi ultimi anni, grazie alla loro grande professionalità e totale dedizione ai colori della Benedetto XIV”.

L’auspicio della società tutta e del presidente Fava “è che entrambi possano trovare in futuro nuove occasioni professionali in grado di dar loro le soddisfazioni che meritano”.

La società fa sapere di essersi già attivata per individuare, nel più breve tempo possibile, una nuova conduzione tecnico-organizzativa, in vista degli importanti e pressanti impegni sportivi della squadra e sottolinea che i provvedimenti presi “intendono responsabilizzare al massimo grado tutti i giocatori, nessuno escluso, i quali saranno tenuti a dimostrare sul campo, non solo le loro capacità tecniche ma anche, e soprattutto, l’attaccamento alla nostra gloriosa società”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi