Gio 10 Gen 2019 - 357 visite
Stampa

Aggredirono un imprenditore, a processo anche un codigorese

Un 36enne di Codigoro tra gli imputati del processo per fatti accaduti a Padova nel 2017

Codigoro. C’è anche un cittadino codigorese sul banco degli imputati che il Tribunale di Padova processerà il 12 giugno prossimo, accusati a vario titolo per violenza privata aggravata, sequestro di persona aggravato e lesioni personali ai danni di un imprenditore padovano.

I fatti risalgono al luglio 2017 e sono stati denunciati da colui che, per non aver restituito un prestito di 700 euro ad un commerciante della zona, fu sequestrato, minacciato e malmenato da quest’ultimo e da due ‘aiutanti’ durante un tragitto in auto nella campagne padovane.

I tre imputati rispondono al nome di Ivan Galiazzo, 48nne di Padova, Giovanni Picone, 59enne agrigentano e appunto Paolo Aliprandi, 36enne di Codigoro. A chiedere il rinvio a giudizio è stato il pubblico ministero Silvia Golin, una richiesta accolta dal gup Elena Lazzarin sulla base della testimonianza dell’imprenditore, che all’epoca dei fatti denunciò l’aggressione ai carabinieri di Cittadella dopo un ricovero per trauma cranico, fratture e lesioni multiple valse un mese di prognosi.

A far cadere i sospetti sui tre era stata l’analisi dei tabulati telefonici, da cui erano emersi i contatti tra la vittima e il commerciante. Il proseguimento dell’indagine aveva condotto poi ai presunti complici dell’aggressione.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi