Lun 10 Dic 2018 - 778 visite
Stampa

Si rivede il Petagna dei giorni migliori, Fares e Bonifazi da brividi in difesa

Gomis salva tutto nel finale, Schiattarella e Missiroli prendono in mano il centrocampo

Gomis 7: Altra ottima prestazione per lui che sta regalando nuove certezze al reparto. Bene in uscita a fine primo tempo su Kouamè e nella ripresa quando Piatek sfugge a Bonifazi. Decisivo poi ancora sul veloce ivoriano nei minuti finali con un intervento tutt’altro che semplice.

Bonifazi 5: Titolare a causa della squalifica di Cionek, mette in campo tutta la sua personalità dando però l’impressione di voler strafare a partire da alcune improbabili incursioni offensive. Rischia tantissimo perdendo almeno un paio di brutti palloni in uscita e sbagliando il tempo dell’intervento su Piatek nel secondo tempo, quando il polacco lo grazia non concludendo efficacemente a rete. Avrebbe meritato anche il secondo giallo nel finale di gara.

Vicari 6: Si arrangia molto spesso con le cattive su Piatek, in una serata sostanzialmente tranquilla per lui dove comanda con autorevolezza la linea arretrata. L’unico a metterlo in difficoltà è Kouamè quando va in campo aperto ma lui fa buona guardia nonostante la velocità dell’ex Cittadella.

Felipe 6.5: Dalle sue parti il Genoa non si vede mai e lui fa lo stretto indispensabile con diligenza. Dopo i disastri di domenica scorsa, arrivano timidi miglioramenti nella sua intesa con Fares. Pregevole l’assist che manda in rete Petagna.

Lazzari 5.5: La leggerezza con cui perde il pallone che porta al rigore del Genoa non è da lui. Non molto preciso al cross ma soprattutto nel primo tempo le sue sgroppate sono utili ad allargare la difesa genoana in più di una circostanza. Nel secondo ha molto meno campo disponibile davanti e ne risente facendo calare drasticamente la propria pericolosità.

Missiroli 6.5: Il migliore ad interpretare i minuti successivi all’espulsione di Criscito, avanzando molto il proprio raggio d’azione e sradicando molti palloni dalle gambe dei centrocampisti genoani. Si applica bene anche in fase difensiva su Miguel Veloso e finché il fiato regge è uno dei migliori in casa Spal. Sostituito da Valoti negli ultimi venti minuti.

Schiattarella 6.5: Nel pieno del gioco biancoazzurro, gioca con intelligenza una quantità spropositata di palloni smistandola lungo tutto il fronte offensivo. Cerca anche la gloria in un paio di occasioni senza fortuna durante la ripresa, bene anche al cross in più di una circostanza.

Kurtic 6: Dopo la bellissima doppietta della scorsa settimana, non riesce a ripetersi nonostante un secondo tempo molto propositivo. Concede qualcosa di troppo ad Hiljemark in fase di impostazione ma con la palla tra i piedi sa sempre cosa fare, dialogando anche bene con Fares.

Fares 5: Rovina un ottimo primo tempo causando il rigore del pareggio (e poco prima rischia tantissimo su Sandro). Cerca di riscattarsi subito dopo un paio di conclusioni molto interessanti sulle quali Radu si deve impegnare parecchio. La sua spinta arriva anche nella ripresa anche se con molta meno precisione al cross ed al tiro. Aldilà del singolo episodio negativo ci sono cose buone dalle quali ripartire per lui in questa partita, ma deve assolutamente correggere le sue lacune di lettura in difesa.

Antenucci 5.5: Va spesso per vie esterne a raccogliere il pallone ma il colpo gli rimane in canna. Incredibile il palo a porta vuota colpito nel primo tempo ed è anche l’unica volta che si fa vedere dalle parti di Radu. Si risveglia nel finale di gara ma il suo cross non viene girato in porta da Floccari.

Petagna 7: Partita di grossa sostanza per lui che di testa mette in crisi più volte la difesa del Genoa e con la quale sigla il suo quinto gol in maglia Spal. Potrebbe anche raddoppiare ma la traversa prima e Romero poi lo fermano ad un passo dalla seconda realizzazione. Nel mezzo un lavoro costante di ‘cucitura’ tra centrocampo ed attacco che mancava da troppo tempo.

Valoti 5.5: Entra nel secondo tempo per dare fiato a Missiroli, senza tuttavia aggiungere portare un gran apporto alla causa biancoazzurra.

Valdifiori 5: Altro cambio che non sortisce gli effetti sperati. Da lui ci si aspetta qualcosa di più in fase di costruzione ma sembra decisamente involuto rispetto all’inizio di stagione.

Floccari 6: Entra col piglio giusto e per poco non va vicino al gol nel finale.

Leonardo Semplici 5.5: Si continua a navigare a vista in casa Spal ma il timore è che alla lunga si possano pagare tutte queste partite nelle quali si sarebbe potuto raccogliere qualcosa di più. Nonostante una partita comandata per lunghi tratti resta il ‘braccino’ ai biancoazzurri, che restano apprezzabili per la propria identità di gioco ma ai quali manca del tutto il ‘killer instinct’. Resta l’impressione che non abbia giocatori in grado di dare un cambio di passo dalla panchina.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi