mer 14 Nov 2018 - 671 visite
Stampa

Paron guida la Provincia e dà il benvenuto alla squadra

Cerimonia di insediamento in Castello. La neo presidente: "Favorire lo spirito istituzionale e non perdere le risorse statali"

“È un grande onore poter essere qui oggi a dare inizio a questo nuovo mandato amministrativo”. È con queste parole che la neo presidente della Provincia, Barbara Paron, ha dato il benvenuto a tutti i consiglieri provinciali eletti lo scorso 31 ottobre durante la cerimonia di insediamento tenutasi martedì pomeriggio in Castello.

Nel nuovo consiglio provinciale sono sei gli eletti della lista di centro-sinistra “Ferrara Insieme”, che con la presidente della provincia, formano la maggioranza: Deanna Marescotti e Davide Bertolasi (Ferrara), Nicola Minarelli (Portomaggiore), Nicola Rossi e Anna Celati (Copparo) e Simona Penini (Codigoro). Quattro i consiglieri del raggruppamento di centro-destra “Terre estensi”: Francesca Piacentini e Michele Sartini (Bondeno), Gino Soncini (Goro) e Mauro Zanella (Vigarano); ultimi due i consiglieri per la civica “Noi per il territorio”: Angelo Mottola e Alessandro Guaraldi (Cento).

“Pur nelle difficoltà oggettive in cui le Province, Ferrara compresa, hanno dovuto agire in questi anni – afferma la Paron nel suo discorso di insediamento – va riconosciuto a questo consiglio di avere messo da parte logiche legate alla mera appartenenza politica a favore dell’azione amministrativa, per assicurare – laddove è stato possibile – le risposte in termini di servizi al territorio. E spero che questo sia il timbro anche dei prossimi anni”.

“Personalmente mi adopererò in questo senso – assicura la neo presidente -, favorendo innanzitutto il prevalere dello spirito istituzionale. Dobbiamo ancora far fronte alla mancanza di risorse sufficienti alle necessità di quelli che la legge ci assegna come compiti fondamentali e principalmente in ordine alla viabilità e alle scuole”.

Sul piano nazionale “dobbiamo chiedere con forza e conseguire quanto prima, l’obiettivo di una Provincia che presieda la regia dello sviluppo e della crescita del territorio – prosegue Barbara Paron -. Per questo dobbiamo ripristinare un quadro di risorse adeguato, per essere autenticamente servizio e lo dobbiamo fare possibilmente tutti insieme”.

La Legge 205/2018 ha assegnato risorse pluriennali per 1,62 miliardi di euro per gli anni 2018-2021, di cui un flusso di risorse per la progettazione. “Il decreto attuativo è ancora fermo e c’è il rischio concreto di perdere queste risorse” ammette Paron, secondo cui “la Provincia può diventare ciò che era stato immaginato che potesse essere: un livello istituzionale improntato alla valorizzazione delle potenzialità dei territori e della capacità del locale di fare sistema e rete, per condividere know how, eliminare sovrapposizioni burocratiche e ridurre i tempi di risposta delle pubbliche amministrazioni a cittadini e imprese. Con questi auspici e garantendo da subito il massimo impegno, auguro a tutti un buon lavoro”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi