Mer 5 Set 2018 - 589 visite
Stampa

Comune risolve il contratto per la rimessa in Darsena. Cavicchi: “Le imprese non hanno fornito garanzie”

Secondo il consigliere leghista, il Comune dovrebbe chiedere la restituzione di 80mila euro, ma mancherebbero le fidejussioni

Il Comune di Ferrara ha risolto il contratto con le ditte che si occupavano della costruzione della nuova rimessa per il canottaggio nella Darsena di San Paolo, ma come farà a ottenere la restituzione degli 80mila euro già erogati di lavori già eseguiti? A chiederlo attraverso un’interpellanza consigliare è Giovanni Cavicchi della Lega Nord, che ripercorre il particolare braccio di ferro in corso tra il Comune e le ditte Co.Ar.Co e Campigli, alle quali erano stati affidati i lavori.

Il 24 agosto il Comune ha infatti approvato la risoluzione del contratto con l’associazione temporanea di imprese, che aveva percepito 106mila euro per la costruzione della nuova opera ma, da quanto risulta dai sopralluoghi effettuati dai tecnici pubblici, ha eseguito lavori solo per un importo pari a 25mila euro. Di conseguenza “l’ati – sostiene Cavicchi – risulterebbe debitore nei confronti dell’amministrazione comunale per l’importo di 80mila euro”.

Ma come recuperare adesso la somma versata alle imprese? Secondo il disciplinare della gara, le imprese avrebbero dovuto costituire un’apposita fidejussione bancaria o assicurativa per coprire il rischio di non adempimento dei lavori, ma secondo Cavicchi queste garanzie non sarebbero mai state fornite. “Nella determinazione – scrive il consigliere – tale presupposto di erogazione dell’anticipazione non risulta essere specificato, dando giustamente adito ad illazioni circa eventuali problemi per il Comune a rientrare della somma liquidata in eccedenza rispetto ai lavori effettivamente realizzati dall’appaltatore”.

Motivo per cui Cavicchi ha interpellato il sindaco per chiedere “se sia stata acquisita agli atti del Comune la prescritta garanzia fideiussoria bancaria o assicurativa” e per conoscere “gli estremi di individuazione di tale garanzia, il soggetto emittente, l’importo e i termini di validità della stessa”, oltre ad “eventuali ragioni che possano rappresentare ostacolo alla regolare e immediata escussione della garanzia in questione”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi