dom 8 Lug 2018 - 3848 visite
Stampa

Scacco allo spaccio anche a Tamara, presi cinque nigeriani

I Carabinieri arrestano tre uomini che stavano cedendo droga a un giovane e due donne che facevano da 'palo'

Copparo. Un altro scacco al traffico di stupefacenti è stato messo a segno dai Carabinieri con la cattura e l’arresto di cinque cittadini nigeriani a Copparo, nella frazione di Tamara.

In manette, nella flagranza dei reati di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio e favoreggiamento personale in concorso, sono finiti tre uomini (E.I. di anni 33 residente a Ravenna, U.H. di anni 21 residente a Macerata e E.W. di anni 34 residente a Torino) e due donne (A.F. di anni 29, residente a Ferrara e E.M. di anni 21, residente a Bologna, ma domiciliata a Ferrara presso la connazionale), tutti con regolare permesso di soggiorno e nullafacenti.

L’operazione è stata messa a segno nel pomeriggio di venerdì dal personale del Norm della Compagnia di Copparo e Ferrara, con l’ausilio delle Stazioni di Cologna Ferrarese e Jolanda di Savoia, dopo una mirata attività investigativa partita anche grazie alle segnalazioni di alcuni abitanti di Tamara relative a cittadini stranieri che si agiravano, in orari pomeridiani, per le vie del paese con fare sospetto. Dopo aver raccolto le segnalazioni i Carabinieri hanno effettuato diversi servizi di osservazione.

Nel pomeriggio di ieri è stato, infine, portano a termine un servizio antidroga che ha consentito di catturare i cinque stranieri dopo la cessione di una dose di stupefacente a un giovane di Copparo in cambio di denaro contante per 100 euro. Una volta avvenuto lo scambio i militari, nascosti nelle vie limitrofe, sono intervenuti bloccando l’acquirente e fermando gli spacciatori, che alla vista dell’auto di servizio hanno tentato invano di darsi alla fuga.

Sulla base degli elementi raccolti è emerso che ognuno degli arrestati aveva un preciso compito: i tre uomini provvedevano alla vendita della droga mentre le due donne fungevano da “vedette” pronte a dare l’allarme alla vista delle forze dell’ordine.

A conclusione delle formalità di rito gli uomini sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza della Compagnia di Copparo, mentre le donne sottoposte alla misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione di Ferrara, in attesa dell’udienza direttissima.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi