sab 9 Giu 2018 - 278 visite
Stampa

Voghiera si riunisce intorno alla tavola

Domenica 10 e lunedì 11 giugno. 300 sedute nel centro del paese, dove si potranno gustare cibi a km 0

di Simone Pesci 

Voghiera. Una grande tavolata da 300 persone come occasione di convivialità per una comunità intera che si riunisce a tavola come in una grande famiglia, oppure per conoscere gli avventori ‘foresti’.

Con queste premesse domenica 10 e lunedì 11 giugno a Voghiera sarà grande festa con la sesta edizione, la seconda organizzata con Ascom Ferrara, di “Voghiera in tavola – il cibo scende in piazza”, manifestazione che fra l’altro intercetta i fondi della Legge 41/97.

Queste due serate avranno come grandi protagonisti il cibo, rigorosamente ‘made in Voghiera’, e le attività commerciali del Paese, che per l’occasione resteranno aperte e renderanno fruibile il centro fino a tarda sera proponendo le loro attività.

Centro che sarà teatro della grande tavolata, predisposta fra piazza Don Crepaldi e via Papa Giovanni XXIII; intorno alle 300 sedute ci saranno gli stand gastronomici – aperti dalle 19 alle 23 – organizzati dal ristorante De Gustibus, dalla locale Pro Loco, dal ristorante Al Pirata, dall’agriturismo Vallesanta, da Le Erbe di Litiano, da La Tana di Fragola e dal Consorzio dei produttori dell’aglio di Voghiera Dop, mentre il vino, i gelati e le birre saranno a cura di Il Pettirosso e del Bar Siesta. Ognuno di questi proporrà un piatto agli avventori che potranno sbizzarrirsi e ai quali sarà concesso saltare da uno stand all’altro assaggiando ciò che preferiscono.

“Si tratta di mettere in vetrina le attività del territorio, in una manifestazione dove in piazza ci va chi promuove ristorazione vera” asserisce il direttore generale di Ascom Ferrara Davide Urban, incalzato da Annalisa Sireus, vicepresidente dell’associazione Pro Loco, la quale sottolinea l’aspetto a km 0 dei prodotti culinari perché “tutte le materie prime sulla tavola sono acquistate nel Comune di Voghiera”.

“Quest’anno – spiega Marco Leoni, Iscom – abbiamo cercato di coinvolgere tutti, con una formula particolare per le specificità del territorio, un aspetto che si sta perdendo”. Le conclusi sono affidate al sindaco di Voghiera, Chiara Cavicchi: “Queste occasioni devono essere a disposizione di chi rende vivo il centro tutto l’anno per fare rete e per costruire un clima positivo”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi