gio 24 Mag 2018 - 930 visite
Stampa

Violenza sui bus. La Cgil contro la sicurezza in mano ai cittadini

Il sindacato interviene sull'ipotesi di Forza Nuova di ronde sui mezzi pubblici

(foto d’archivio)

“La politica che illude i cittadini che la prevenzione dei “delitti” dei poveri possa venire con misure penali anziché con misure sociali è sbagliata tanto più se il controllo della sicurezza viene esercitato da privati cittadini”.

È il pensiero che viene dalla Cgil e dalla sua sigla dei trasporti, la Filt, in merito all’ipotesi di Forza Nuova – già criticata da Tagliani – di organizzare ronde sugli autobus dopo l’aggressione a un controllore.

“Sono le politiche sociali a essere in grado di ridurre la piccola criminalità che induce paura tra la gente e colpisce a volte ingiustamente cittadini che stanno lavorando”, riflette il sindacato, aggiungendo che “nelle società purtroppo segnate da enormi disuguaglianze coloro che sono esclusi o ai margini della società civile sono disposti a commettere azioni illegali (che noi condanniamo fermamente)”.

Per Cgil e Filt sono le politiche di prevenzione quelle in grado di aggredire le cause strutturali delle devianze: la scuola, il pieno lavoro, il superamento della precarietà, il godimento dei diritti sociali ecc.; mentre invece “è l’assenza delle garanzie sociale dell’occupazione e della sussistenza la principale causa della “delinquenza” dei poveri. Ogni forma di esclusione preclude la formazione del senso civico di appartenenza e con esso la comprensione stessa, prima ancora che la condivisione del valore della legalità”.

La soluzione per il sindacato è quella di “riabilitare il ruolo di garanzia sociale dello stato perché esso contrasti più efficacemente ogni atto ed azione contraria al rispetto delle libertà delle persone e dei beni pubblici, ma questo presuppone che lo stato ridivenga il solo detentore del monopolio della forza, forza (di cui anche noi avvertiamo la necessità) agitata per assicurare ai cittadini e ai lavoratori sicurezza e libertà”.

“Aggiungiamo – concludono Cgil e Filt – l’importanza che le istituzioni si impegnino ad essere rispettabili e rispettate, la politica apprezzata e quindi capace di decidere quello che serve sia fatto per il bene comune”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi