ven 18 Mag 2018 - 1359 visite
Stampa

Rifiuti, calotte in arrivo anche ad Argenta

Servizio confermato a Soelia per i prossimi 15 anni. Entro il 2020 arriverà alla tariffa puntuale

di Simone Pesci

Tempo 6 mesi, o poco più, e anche sul territorio comunale di Argenta scatterà la rivoluzione delle calotte. Anche questo significa il nuovo affidamento, approvato da Atersir, del Comune di Argenta a Soelia – società in house in quota per il 100% al Comune stesso – per quanto concerne la gestione del servizio rifiuti per i prossimi 15 anni.

Soelia continuerà a servire i circa 22mila utenti domestici e non domestici sparsi sul vasto territorio argentano, rafforzando il servizio allo scopo di raggiungere entro il 2020, come impone la Regione, la quota di raccolta differenziata del 79%, contro l’attuale 69%.

Una direttiva che i ferraresi conoscono molto bene, e che presto toccherà da vicino gli argentani, che entro il 2019 vedranno appunto entrare in funzione le calotte per arrivare alla tariffa puntuale entro la scadenza del 2020.

“E’ stata una trattativa lunga, ma Soelia ha dimostrato di avere solidità patrimoniale ed economicità nel gestire il servizio così come imposto dai parametri di una società in house” affermano all’unisono il presidente della Provincia Tiziano Tagliani e il presidente di Soelia Pietro Buzzi. Sarà, per il direttore di Atersir Vito Belladonna, una “bella sfida”, che deve necessariamente “tenere insieme la qualità del servizio offerto con gli obiettivi regionali e le tariffe per gli utenti: con la verifica di questi elementi si è arrivato al nuovo affidamento”.

Che è arrivato, spiega il sindaco di Argenta Antonio Fiorentini, anche perché “il sistema di gestione rifiuti funziona bene e siamo vicini agli obiettivi della Regione”. “C’è qualcosa da affinare- prosegue Fiorentini -, penso al problema degli abbandoni, ma il sistema funziona e il merito è di tutti i cittadini”.

Altra novità per gli utenti: con la conferma a Soelia i cittadini saranno chiamati parte in causa, poiché ci sarà obbligo annuale, informa il direttore generale della società Renato Guerzoni, di “verificare il grado di soddisfazione e di raccogliere i bisogni non soddisfatti della cittadinanza in merito al servizio”. Un servizio che, fornito da una società in house, “è un’opportunità e un valore aggiunto per il territorio” conclude Andrea Marchi, sindaco di Ostellato e coordinatore locale di Atersir.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi