mer 16 Mag 2018 - 194 visite
Stampa

Versalis, il patto per la sicurezza sul lavoro a teatro

Eni rinnova l'accordo con le aziende appaltartici per minimizzare i rischi al petrolchimico

Uno spettacolo teatrale per promuovere la sicurezza sul lavoro. “Il Patto che ti salva la vita (Il virus del miglioramento)”, in scena oggi pomeriggio al teatro Nuovo a Ferrara, è un’iniziativa delle società Eni che operano nel petrolchimico, Versalis e Sef – Società Enipower Ferrara – in collaborazione con il Safety Competence Center di Eni.

Lo spettacolo mette in scena situazioni, personaggi e filmati che mostrano alcuni comportamenti sul lavoro, sulle strade e nella vita quotidiana, che possono avere impatto sulla propria incolumità e quella delle altre persone, e invita a cambiare rischiose abitudini, di vita e comportamentali, spiegando come l’impegno per la sicurezza sia un atto di amore verso se stessi e verso la comunità.

Alla rappresentazione hanno partecipato le istituzioni del territorio, i lavoratori diretti, delle imprese appaltatrici e delle aziende coinsediate e i loro familiari. “Il Patto che ti salva la vita” di e con Silvia Cattoi, Juri Piroddi e Giammarco Mereu, è già stato rappresentato a Mantova, Siracusa, Taranto, Porto Marghera, Assemini, Gela, Porto Torres e a Ravenna.

Oggi è anche stata rinnovata la sottoscrizione del “Patto per la Sicurezza”, avviato da Versalis e Sef a Ferrara negli anni scorsi, una vera e propria partnership con le imprese appaltatrici affinché i rischi nell’esecuzione dei lavori siano azzerati, mediante continuo monitoraggio, azioni di miglioramento concrete e misurabili attraverso il supporto degli esperti del Safety Competence Center di Eni.

La sottoscrizione del Patto è da alcuni anni applicato ai cantieri di costruzione e alle attività di routine, ed è diventato un “vero e proprio modello di gestione della sicurezza in Eni” riferiscono i firmatari.

“Sulla sicurezza, Eni da sempre non fa distinzione tra i propri dipendenti e i lavoratori dell’indotto e tutti gli indicatori di sicurezza vedono coinvolta tutta la forza lavoro – spiega la società -. L’impegno e il coinvolgimento profusi da tutta l’organizzazione ha prodotto i suoi frutti e gli indici di sicurezza Eni sono continuamente migliorati, ponendo Eni al primo posto nel mondo tra le maggiori oil&gas e di ordini di grandezza nettamente migliori della media italiana e Ue”.

Oggi la probabilità di infortunarsi in Eni è pari a 0,2 infortuni per ogni milione di ore lavorate e moltissimi siti industriali vantano molti anni senza infortuni, mentre la media dell’industria italiana ed europea è di quasi 10 infortuni ogni singolo milione di ore lavorate. Risultati eccellenti che Eni vuole consolidare e migliorare fino al raggiungimento di zero infortuni in tutto il gruppo, anche nel sito di Ferrara dove quest’anno si sono registrati tre infortuni sul lavoro.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi