gio 17 Mag 2018 - 1343 visite
Stampa

Kleb Basket a rischio: un mese di tempo per salvarlo

Cocchi: “Se entro un mese la situazione non cambia il progetto finisce”. Moretti nuovo dg pro tempore: “Ci sono contatti avviati, ma ancora nessuna sicurezza”

di Andrea Mainardi

A meno di una settimana dalla conferenza stampa di addio da parte di Fabio Bulgarelli, il vicepresidente Marco Cocchi torna a parlare per puntualizzare alcune indiscrezioni uscite negli ultimi giorni.

Dalle sue parole, emerge come il futuro del Kleb Basket Ferrara sia tutt’altro che certo e da qui ad un mese la situazione si chiarirà nel bene o nel male.

“Ci sono precisazioni da fare visto che la strada, da quanto abbiamo visto sugli organi di stampa, futura sembra già tracciata” afferma Cocchi. “La volontà dell’attuale proprietà è quella di mantenere l’attività a Ferrara ma nei fatti non è detto che ciò avvenga soprattutto ai livelli attuali. Vogliamo cercare persone che possano avvicinarsi ma nulla è ancora deciso, voglio essere chiaro per togliere equivoci e speranze che poi non vengono confermate. Una stagione 2018/2019 senza budget certo significa un salto nel vuoto che l’attuale proprietà non vuole fare. Se da qui al 15 di giugno la situazione non dovesse cambiare questo progetto non verrà portato avanti ovvero quello di una A2 di alto livello”.

Il vicepresidente si sofferma anche su alcune recenti polemiche emerse: “Leggo lamentele sulle tempistiche degli annunci ma i nostri ragazzi sono professionisti e non vengono influenzati da questo, ne abbiamo parlato sia con l’allenatore che con il direttore sportivo. Il grido d’aiuto va ribadito per togliere ogni tranquillità a chi ritiene che tanto il presidente Bulgarelli coprirà poi le perdite di bilancio come avvenuto negli ultimi anni. Moltiplicheremo le energie per portare nuove persone in società, il titolo sportivo non è stato ceduto proprio per cercare di proseguire l’attività ai livelli attuali. Se ciò non sarà possibile si vedrà se affrontare una categoria inferiore o non procedere proprio all’iscrizione”.

Vengono poi nominati due personaggi ben conosciuti nel basket estense: “Preciso inoltre che l’attuale proprietà non abbia alcuna intenzione di portare avanti rapporti di collaborazione societaria con Roberto Mascellani. Al mio fianco c’è Luigi Moretti che ha sposato questo tentativo di innovare e collaborare a pieno titolo col Kleb Basket Ferrara arrivando ad una integrazione importante con la 4Torri”.

Un aiuto al Kleb arriva proprio dallo stesso Moretti, da oggi nominato direttore generale pro tempore: “La presenza della 4Torri consentirà alla società di disputare una eventuale A2 e nel futuro diventeranno due società sempre più integrate. Se però tra un mese saremo ancora a questo punto il basket a questi livelli non ci sarà, il mio ruolo sarà quello di provare a capire se nel futuro ci sarà la possibilità si salvare la pallacanestro. Noi siamo disponibile ad accogliere chi volesse aiutare nella maniera più organizzata possibile, noi siamo dei traghettatori e faremo di tutto perché la pallacanestro continui. Io sono un elemento esterno che entra e farà di tutto, non vi nascondo che abbiamo contatti importanti avviati ma non sono sicurezze. Vogliamo che quell’imprenditore che abbiamo in mente ci capisca e vorremmo dargli in mano un qualcosa di già pronto, da lì a dire che questo avverrà comunque ne passa”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi