mer 4 Apr 2018 - 2719 visite
Stampa

Scoperti a rubare, inseguiti e arrestati quattro ladri

Dopo il colpo al Migross di Bondeno i Carabinieri hanno pedinato i malviventi e scoperto un capannone con altra merce rubata per 30mila euro

Bondeno. Quattro malviventi sono stati arrestati in flagranza dai Carabinieri dopo un furto compiuto ai danni del supermercato Migross di Bondeno, negli ultimi tempi preso frequentemente di mira dai ladri. Gli arresti sono avvenuti dopo un inseguimento a distanza e in manette sono finiti la 23enne Suzan Ahmetovic nata in provincia di Rovigo, il 37enne Sergo Ahmetovic nato in provincia di Modena, il 32enne Ionel Ovidiu Rostas nato in Romania e il 21enne Jonathan Palpon nato in provincia di Rovigo, tutti abitanti in un campo nomadi in provincia di Rovigo.

Tutto si è verificato attorno alla mezzanotte, quando alla Centrale Operativa dei Carabinieri di Cento si è attivato l’allarme antintrusione entrato in funzione al Migross di Bondeno, attivazione dell’allarme confermato anche dalla società che cura lavigilanza privata del supermercato. Sul posto si sono portate alcune pattuglie in abiti borghesi in servizio di controllo del territorio, proprio in considerazione dei numerosi furti subìti dalla fine di gennaio dal supermercato, nel corso dei quali sono stati rubati soprattutto profumi. Una volta raggiunto il Migross, i Carabinieri hanno visto che la porta laterale di accesso era stata divelta e spalancata, notando anche allontanarsi un Fiat Fiorino.

Dopo aver lasciato sul posto una delle auto in servizio di controllo del territorio, i militari si sono posti all’inseguimento a distanza di sicurezza, senza tuttavia mai perderlo di vista, del Fiat Fiorino di colore bianco che nel frattempo si è allontanato dal parcheggio laterale del supermercato. Il Fiorino, sempre seguito dalle vetture dei Carabinieri che si sono alternate nell’inseguimento, ha proseguito la sua corsa verso la Provincia di Rovigo. Per tale motivo, la Centrale Operativa di Cento ha informato la Centrale Operativa di Castelmassa, località evidentemente meta dei ladri, di quanto stava accadendo e, quindi, della direzione dei fuggitivi verso quel territorio, richiedendo il supporto di quei Carabinieri per il loro immediato intervento. I ladri, nel frattempo, si sono fermati a Castelnovo Bariano (Ro) e sono entrati in un capannone, evidentemente in disuso.

Giunte anche le pattuglie di Castelmassa sul posto, è scattata l’irruzione dei Carabinieri nel capannone, dove i quattro malviventi erano intenti a estrarre numerosi profumi da due grandi bidoni in plastica, di colore verde con ruote, del tipo usato per la raccolta differenziata. Un paio di loro hanno tentato una maldestra fuga, ma sono stati immediatamente bloccati. Tutti i quattro sono quindi stati tratti in arresto.

All’interno del locale inoltre, sparsi su gran parte del pavimento, c’erano numerosi profumi ancora incellofanati, un televisore di grosse dimensioni e copioso materiale di altro genere, nuovo e ancora inscatolato, mentre davanti all’ingresso del locale sono stati trovati alcuni strumenti da scasso, tra i quali un piede di porco e un palanchino, che sono stati sottoposti a sequestro assieme a tutto il materiale rubato e ricettato rinvenuto, che ha un valore stimato prossimo ai 30.000 euro.

Il veicolo utilizzato dai malviventi per compiere il furto, il Fiat Fiorino di colore bianco, è stato trovato con il motore ancora caldo e, all’interno, un forte e persistente odore di profumi. Nel corso dei successivi accertamenti si è appurato che anche l’automezzo era stato oggetto di furto da parte dei quattro nella medesima serata.

Il magistrato di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovigo, immediatamente informato, ha disposto la traduzione degli arrestati presso la Casa Circondariale di Rovigo.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi