Gio 18 Gen 2018 - 871 visite
Stampa

La cataratta: dalla diagnosi all’asportazione chirurgica

A Quisisana promossa la tecnica con femtolaser. La parola a Giovanni Bragliani, specialista in oftalmologia

La cataratta è una delle principali cause di disabilità visiva riscontrata a livello globale. Colpisce prevalentemente le persone che hanno superato i 70 anni, e può essere di diverso tipo: senile, dovuta all’opacizzazione del cristallino in età avanzata; congenita, e quindi ereditaria, molto più frequente nei bambini, e addirittura traumatica, dovuta a traumi o alla sottoposizione ad alcuni farmaci che hanno effetti indesiderati sulla qualità della vista.

Nello specifico, la cataratta è una patologia causata dall’opacizzazione del cristallino, la componente situata tra il corpo vitreo e l’iride, nella parte retrostante la pupilla e che consente all’occhio di mettere a fuoco le immagini. A partire dal compimento dei 40 anni di età, infatti, nelle persone incomincia a verificarsi una graduale perdita della capacità accomodativa, chiamata presbiopia. I pazienti affetti da cataratta accusano disturbi di doppia visione, fotofobia, abbagliamento, vista sfocata e necessitano frequente cambio delle lenti degli occhiali.

Dopo un’attenta valutazione del paziente, è possibile intervenire chirurgicamente asportando il cristallino opacizzato grazie alla nuova tecnica del laser a femtosecondi, che permette di realizzare incisioni di dimensioni minime e riducendo il rischio di complicanze.

Il dott. Giovanni Bragliani, medico chirurgo specialista in oftalmologia presso l’ospedale privato Quisisana, promuove la tecnica del femtolaser in quanto “consente di operare senza l’utilizzo del bisturi, quindi in una maniera molto precisa, senza intaccare il resto della cornea. Il cristallino, una volta frantumato, viene accuratamente asportato per essere poi sostituito con una protesi artificiale customizzata. Oggi è possibile anche correggere i difetti della vista tramite i cristallini artificiali, e quindi senza indossare gli occhiali una volta ultimata l’operazione”.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Notizia Offerta da Quisisana

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi