Gio 18 Gen 2018 - 249 visite
Stampa

Bando Asp. Peruffo attacca Tagliani: “Fa polemica ma non entra nel merito”

La consigliera comunale interviene sullo scontro tra Urban (Ascom) e il sindaco di Ferrara

“Davide Urban ha lanciato un monito importante relativamente al bando Asp sull’affidamento dei servizi di accoglienza. Una valutazione da cui emerge non solo la preoccupazione di Ascom Ferrara e dei propri iscritti, ma anche quella di larga parte della città, tra cui Forza Italia. Spiace che, ancora una volta, il sindaco Tagliani abbia fornito una risposta piccata e trasudante arroganza, senza sforzarsi di capire ciò che sta alla base di una critica legittima”. Ad affermarlo è Paola Peruffo, consigliera comunale di Forza Italia.

“Dal momento che parte di questo bando è rivolto agli hotel e alle strutture ricettive pronte ad accogliere i migranti, ciò ha come oggettiva conseguenza una ricaduta in termini turistici oltre che di immagine della città, come ricordiamo dal caso Astra di qualche mese fa – prosegue Peruffo -. Non voglio sminuire gli sforzi fatti dal Comune per la riqualificazione di svariati punti della città, tralasciando parallelamente le lacune per altri quartieri lasciati al degrado, ma se anche ci compiacciamo tutti quanti della crescita del turismo e delle proposte di eventi a Ferrara, non possiamo fingere di essere indifferenti davanti a decisioni strategiche che vanno a minare quanto di buono fatto in questi anni, anche grazie a più realtà coinvolte”.

Secondo la consigliera azzurra “non si può non tener conto del fatto che Ferrara ha fatto già tantissimo in termini di accoglienza, in correlazione con il proprio tessuto sociale e imprenditoriale, e i noti problemi di integrazione degli stranieri presenti, come evidenziato dalle cronache degli ultimi mesi. Auspichiamo che il prossimo Governo possa applicare norme più sagge per politiche di accoglienza realisticamente efficaci, rapportandosi con gli altri paesi in termini di equità di impegni, contemporaneamente riteniamo sbagliato, a livello locale, compiere scelte in grado di penalizzare l’anima turistica della città, fin qui faticosamente costruita”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi