gio 12 Ott 2017 - 111 visite
Stampa

Il “dopo festival” del Microteatro Bonsai

L’evento ha attirato in Gad oltre 800 spettatori. Già al lavoro per la seconda edizione

A cinque giorni dalla chiusura della prima edizione del Festival di microteatro Bonsai, che si è svolta interamente all’interno del Quartiere Giardino, sostenuta dal Comune di Ferrara, dalla Regione Emilia Romagna, Ferrara Off e Progetto Pindoles di Barcellona, che insieme ne hanno curato la direzione artistica e organizzativa, parlano dei risultati raggiunti.

L’evento, che è parte di “Giardino Creativo” finanziato da A.N.C.I. – progetto che sostiene la creatività giovanile a favore della riqualificazione sociale, economica e culturale di questa zona della città – ha contato oltre 600 ingressi agli spettacoli della domenica e 200 spettatori per le performance inaugurali del sabato Giro solo esterni con aneddoti con Marco Sgarbi per la regia di Giulio Costa e La Venere Nera di Andrea Lugli con Liliana Letterese.

Tutto esaurito per lo spettacolo itinerante “Lettere anonime per un camminatore” della compagnia Amigdala, una performance site-specific, per uno spettatore alla volta, che ha generato un grande interesse.

“In molti – raccontano gli organizzatori – si sono ritrovati a camminare per le vie del quartiere Giardino, potendone apprezzare la bellezza, condotti in un percorso emotivo che è solitamente difficile da intraprendere. I passanti, numerosi e increduli, come di fronte a qualcosa di insolito, si fermavano, chiedevano, partecipavano”.

Bonsai è stato anche motivo di collaborazione e scoperta, grazie alla sinergia che si è creata con alcune realtà e associazioni del quartiere, che hanno messo a disposizione il loro tempo e i loro spazi: Consorzio Factory Grisù, Contrada San Giacomo, Scaccianuvole Pizzeria Ristorante, Centro di ascolto Uomini Maltrattanti, Centro di Mediazione di Ferrara e la famiglia Felloni che ha ospitato all’interno del proprio appartamento uno dei sei spettacoli di domenica scorsa. Fondamentale anche il dialogo con la società sportiva SPAL 2013 srl che ha permesso che le cinquanta repliche dello spettacolo inaugurale terminassero al centro del prato dello Stadio “Paolo Mazza”, offrendo allo spettatore un colpo d’occhio e un impatto emotivo notevoli.

E per chi se lo fosse perso, gli organizzatori sono già al lavoro per la seconda edizione che si svolgerà nella primavera del 2018.

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi