Mer 24 Mag 2017 - 1438 visite
Stampa

Spal. Vagnati: “Locatelli? Piace ma nessun contatto”

Calciomercato. Il ds punta a tenere Lazzari e cerca “giocatori da A” e stranieri interessanti

Il ds della Spal Vagnati

di Simone Pesci

Stiamo già lavorando per l’anno prossimo”, è l’incipit col quale il direttore sportivo della Spal Davide Vagnati si presenta davanti alle telecamere di ‘Calcio & Mercato’, programma in onda su Sportitalia e condotto da Michele Criscitiello e Alfredo Pedullà.

Il mercato è ancora in fase embrionale, ma incalzato dai due giornalisti il dg ha affrontato diverse tematiche che scalderanno un’estate, quella biancazzurra, che si preannuncia bollente: “Locatelli? Non abbiamo parlato col Milan, ma è un profilo che piace perché è in linea con ciò che ricerchiamo. Ovvero giovani con tanta voglia di far emergere le loro qualità”.

Anche il gruppo che ha portato la Spal nell’olimpo del calcio subirà, inevitabilmente, diversi cambiamenti: “Mora, Vicari, Antenucci resteranno tutti? Qualcuno purtroppo dovrà partire, Meret e Bonifazi ad esempio torneranno sicuramente alle loro squadre di appartenenza”. Capitolo Lazzari tirato in ballo da Pedullà, ma Vagnati dimostra di avere le idee piuttosto chiare su “un calciatore che riteniamo poter essere fondamentale, chiaramente andranno valutate eventuali offerte economiche perché nessuno è incedibile ma oltre al fattore economico la cosa primaria è salvaguardare la categoria”.

Per farlo la Spal “dovrà inserire qualche giocatore di livello perché la differenza fra A e B è tanta, ci sono qualità fisiche e tecniche molto differenti”, e per questo nel mirino del dg ci saranno come obiettivi “calciatori che hanno fatto quasi sempre la A”. Non è detto però che il gruppo che affronterà la massima serie sarà composto tutto da calciatori nostrani: “potremmo pensare di prendere in considerazione qualche giocatore straniero interessante, bisogna cercare di spendere in maniera oculata non lasciando nulla al caso”.

Vagnati ha poi risposto a due domande secche affermando che il rischio che la Spal sia già data per retrocessa è “normale, fa parte del gioco e la differenza fra le categorie esiste”, e che “Semplici non è un lusso per noi, gli abbiamo appena fatto un contratto biennale perché lui e il suo staff sono un fattore importante”.

Stampa
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi qui la Cookie e la Privacy Policy.

Chiudi