lun 13 Feb 2017 - 1650 visite
Stampa

“Questo nostro tempo”, secondo Tagliani

L'intervento del sindaco sui giovani e su cosa fare per loro

Pubblichiamo un intervento del presidente della Provincia e sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani.

In questo frangente, ove la speranza è rimasta solo a denominare sulle carte il Capo a sud dell’Africa, mi sono fatto convinto che ai menagramo capaci di demolire con arguzia e tempismo ogni ipotesi costruttiva e di alzare spallucce di commiserazione e sufficienza di fronte a qualsivoglia progetto che non li veda committenti, d ancor meglio protagonisti nella esecuzione, occorrerebbe imporre, per ogni badilata impegnata a seppellire l’dea altrui, un’opera forzata di bene: una semina, un innesto, un concreto contributo che illumini sul cosa si vuole e sul come fare diversamente, per restituire bellezza e senso a questa nostra comunità.

Non mi accingo certo a questa riflessione spinto dalle quotidiane beghe di bottega, quanto piuttosto ancora oggi tormentato dalle vicende locali nelle quali giovanissimi protagonisti hanno toccato l’abisso del matricidio e del parricidio.

Lascio ai genitori come me, alle nostre famiglie il compito di guardarsi dentro ed osservare i ragazzi, gli adolescenti soprattutto, per insinuarsi fra un “like” ed una risposta assente davanti all’iPad, con uno sguardo od una parola che ci dica “nuovamente connessi”.

Mi preoccupo invece di rifletter sul modello di sviluppo in queste nostre terre collocate in un angolo di pianura lontana dai fari della via Emilia e dei viali Ceccarini della Romagna, dove i ragazzi, come sempre i più sensibili, non a torto, si sentono “ ai margini” della crescita economica, ai margini della cultura, in una parola ai margini della vita; così dinamicamente irresistibile vista sul web dopo una serata al bar del paese.

Per anni noi amministratori abbiamo ritenuto che il nostro dovere fosse quello di portare a Ferrara risorse economiche: tradotte in strade, ponti, ciclabili, parchi, sagomature di canali, contributi alle aziende e questo era vero e giusto: si è trasformato in lavoro, in sicurezza idraulica, in agricoltura avanzata, serve ancora, ma oggi non basta più.

Non basta lavorare sull’hardware della nostra comunità ossia le infrastrutture, la sfida nel mondo è nel software ossia sulla conoscenza : è qui che si vince la competizione per “abitare in centro”.

È successo nel mondo dei computer dove sono i produttori di sistemi operativi ad aver vinto sui produttori di processori e così anche qui saranno le persone, le loro menti, le loro capacità di relazione e di analisi a vincere le distanze ma anche la sfida delle nuove occupazioni .

Non tanto diversa dovette essere la ragione del successo per l’abazia di Pomposa attorno al mille, così come oggi lo è per le software house indiane, fino a ieri in polverose e sudice periferie oggi leaders nella competizione globale.

Per questa ragione la candidatura di Comacchio come capitale italiana della cultura, banalmente letta da alcuni come velleitario tentativo di utilizzo strumentale della cultura per la promozione turistica del territorio, è invece, per quanto mi riguarda, un segno importante e lungimirante di guardare oltre.

Certo anche qui hanno giocato e giocano un ruolo fondi europei, risorse regionali per il restauro di edifici e capanni, ma a nulla servirebbe tutto questo se la cultura, che ti permette di conoscere la storia , la conformazione del tuo territorio, le straordinarie risorse della natura, ma anche i linguaggi per comunicare questa ricchezza, lingue straniere e linguaggi della tecnologia , non divenisse la vera protagonista del progetto.

Lo stesso ragionamento appena accennato su Comacchio vale per tutto il nostro territorio, i giovani rischiano di rimanere distaccati osservatori della costruzione di nuove arterie di comunicazione, siano d’asfalto o d’acqua, assai più urgenti quelle telematiche, se in quei contesti non saremo capaci di innestare progetti di sviluppo che sviluppino conoscenza, investano sulle persone, sulle loro idee, la loro fantasia, l’amore per la loro comunità.

Per questo, siccome siamo all’interno di una programmazione europea e nazionale che tra fondi strutturali e diretti alle “aree interne” ci beneficerà di risorse rilevanti, dobbiamo investire sul nostro software che è l’intelligenza e la creatività dei nostri giovani, sulle scuole, sulla loro formazione, sui sistemi di “connessione” a distanza fra le persone con i migliori linguaggi di oggi, magari chiedendo ai grandi operatori come Oracle o IBM di collocare a Ferrara scuole di alta formazione.

Se, su altro profilo, alla presidenza del Nuovo Parco Interregionale del Delta fossimo in grado di designare una persona di grande spessore culturale, un uomo capace di rappresentare il desiderio di queste terre e di questi ragazzi di diventare protagonisti della scena europea, dove di luoghi così straordinari non ce ne sono, magari rinunciando alla usuale soluzione standard buona per tutte o tante altre stagioni, daremmo un segnale bello qualcuno comincerebbe a crederci.

Se poi la più grande infrastruttura turistica italiana, ovvero la ciclovia VEN (ezia) TO (rino) incontrasse sul suo percorso un paesaggio straordinario non sarebbe merito nostro, ma se incontrasse una generazione che parla le lingue del mondo, capace di accogliere a Serravalle danesi nostalgici del Mississippi o a Codigoro un gruppo di artigiani innovativi che realizzano borse con la canapa o mille altre diavolerie e le vendono on line in tutto il mondo, insomma una realtà “che abita in centro” perchè capace di annullare le distanze e di trasformarla in nuove occasioni di lavoro e di incontro, allora ciò sarebbe perché ci abbiamo pensato oggi e forse le ferite di Pontelangorino e dintorni ci avrebbero insegnato qualcosa.

Tiziano Tagliani

Stampa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi